Il nuovo DPCM allunga l’agonia del calcio regionale



Il nuovo DPCM che il premier Giuseppe Conte ha firmato, mette in grossa difficoltà il mondo dilettantistico regionale in quanto vieta gli allenamenti collettivi fino al prossimo 5 marzo. Una vera e propria mazzata per tutti coloro che speravano in un ritorno in campo nel mese di febbraio. Se per le categorie più basse a questo punto sembra essere stata messa la pietra tombale su questa stagione, per l’Eccellenza, categoria direttamente collegata alla Serie D, le cose si complicano ulteriormente.

Diverse sono le società, tra cui il Porto d’Ascoli, che hanno manifestato nei giorni scorsi la volontà di riprendere a giocare anche perché hanno fatto degli investimenti in termini di rosa e giustamente vogliono provare a fare il salto di qualità.

Il problema sarà ora capire quante date sono eventualmente disponibili in quanto a questo punto il campionato non potrà riprendere verosimilmente prima della metà di aprile…


Condividi questo post: