Pronti a sfidare la B2: il punto di Alesso Perotti


Finalmente “Ci risiamo”: non si tratta del sequel di “Mamma mia” appena uscito nelle sale cinematografiche, ma dell’inizio del terzo campionato di Serie C consecutivo sempre sotto l’egida della gestione Fedeli. Non è stato facile arrivarci all’esordio di domenica prossima al Riviera (ore 16:30) contro il Renate di Brevi, viste le note vicissitudini amministrative, burocratiche e giudiziarie, per la verità ancora parzialmente pendenti, ma dopo un rinvio di quasi un mese l’attesa era diventata veramente snervante. Stand-by quindi accantonato con annessa una sorta di apatia e indifferenza, riecco adrenalina, pulsioni e tanta voglia di Samb per continuare nel processo di crescita progressiva della società di Fedeli. E soprattutto la parola spesso citata da Beppe Magi, “entusiasmo”, deve contagiare l’intero ambiente rossoblu. Basta allora musi lunghi e insoddisfazione perenne: la Samb si trova nella serie in cui ha più militato nella sua storia, quindi quella a lei più consona, ha una solida società alle spalle, un allenatore stimato e un gruppo, venuto fuori dal calciomercato, da rivedere in un paio di ruoli (portiere e centravanti), ma comunque ben strutturato e fornito di promettenti prospetti. Certo non sarà agevole migliorarsi ulteriormente in un girone più simile ad una B2 che ad una serie C, ma le due stagioni trascorse hanno dimostrato che la Samb di Fedeli può sempre battersela con chiunque. Il fatto che sulla griglia di partenza la Samb sia dietro Ternana (coppia d’attacco Vantaggiato-Nicastro), Feralpisalò (l’airone Caracciolo oltre agli ex cremonesi Pesce, Canini e Scarsella), Vicenza (tridente Curcio-Arma-Giacomelli) e Triestina (su tutti “El Diablo” Granoche) e allo stesso livello di Pordenone, Sudtirol e Monza, prossimo ad essere rinvigorito dalla cura Berlusconi, non vuol dire che Rapisarda e compagni reciteranno necessariamente un ruolo da comprimari. Fondamentale sarà l’impatto di top-player per la categoria come Signori, Russotto e Calderini, che dovranno garantire quel salto di qualità fallito la scorsa stagione dai presunti “big” Troianello-Bacinovic-Di Cecco. E poi c’è quella folta pattuglia di bella gioventù, dalla quale si spera che sbocci qualche preziosa gemma. In attesa del “tour de force” programmato dal 28 Ottobre al 25 Novembre, quando la Samb incrocerà in sequenza le favorite a partire dalla corazzata Ternana, ex sodalizio di patron Fedeli, ci sarà da mettere in carniere più punti possibili. A partire proprio dall’imminente battesimo, vincente nelle ultime due stagioni di C (a Macerata e in casa col Modena, seppur poi annullato), contro la rivelazione del girone d’andata dello scorso campionato, assolutamente da non sottovalutare (gli attaccanti Gomez e Finocchio oltre all’ex Mestre Spagnoli possono rivelarsi letali). Comunque, bando alle ciance, con orgoglio e coraggio tuffiamoci in questa nuova palpitante e stimolante avventura, buon campionato!

Alessio Perotti


Condividi questo post: