Pegorin male, grande impatto per Di Massimo e Russotto. Monza-Samb, LE PAGELLE



MONZA-SAMB FINISCE 3-2: LA CRONACA

FEDELI: «IO NON MI CHIAMO BERLUSCONI…»

ROSELLI: «SIAMO STATI PUNITI DAGLI EPISODI»

PEGORIN                          5

Qualche uscita non perfetta e la brutta respinta sul tiro di Armellini, che permette a Marchi di segnare il gol del momentaneo 2-1. Brutta partita per il Pego, che per la prima volta in campionato subisce più di un gol in 90 minuti.

ZAFFAGNINI                    6

Spesso in marcatura su Brighenti, si fa rispettare nonostante la fisicità del suo avversario. Un infortunio al ginocchio lo costringe a lasciare il campo prima del tempo.

BIONDI                             6

Coordina i movimenti di una difesa spesso sollecitata e che – nonostante i due gol subiti – non disdegna. Determinato nei contrasti, concede poco ai temibili attaccanti biancorossi.


FISSORE                            5,5

Dei tre che difendono la porta di Pegorin è il meno brillante: non riesce a schermare Marchi sulla brutta respinta di Pegorin di inizio ripresa, ma per il resto non commette gravi errori.

CELJAK                              6

Sulla destra si fa vedere raramente in avanti (nonostante le sue lunghe rimesse laterali siano paragonabili a dei calci d’angolo), più sicuro quando passa tra i tre della difesa.

ILARI                                 5,5

Dei tre di centrocampo è quello che gode di più libertà quando c’è da attaccare, peccato che questa situazione si verifichi non di frequente visto che il possesso è spesso di marca brianzola. Non il migliore Ilari.

GELONESE                       6

Spesso costretto a rincorrere gli avversari, è comunque autore di un paio di break che permettono di guadagnare campo in situazioni delicate.

SIGNORI                           5,5

Quando c’è costruire l’azione si disimpegna piuttosto bene, ma non riesce a garantire il giusto filtro nella zona di Fissore e Cecchini, soprattutto quando Chiricò ingrana la quarta e converge verso il centro.


CECCHINI                         5,5

È dura tenere a bada un peperino come Chiricò, specialmente se sei appena rientrato da un infortunio: fa il suo accusando anche se non riesce sempre ad arginarlo. Meno propositivo del solito in fase offensiva.

STANCO                           7

Sempre nel vivo del gioco, arrivando anche a costruire l’azione quando i compagni sono in difficoltà. Peccato che suo il bellissimo gol (settimo in stagione) non permetta di portare punti a casa.

CALDERINI                       6,5

Rintuzza in gola l’urlo di gioia di Galliani per il gol di Brighenti, procurandosi e segnando il rigore del primo pareggio. Le sue giocate sono frizzanti nel primo tempo, ma poi perde effervescenza e viene sostituito da Di Massimo.

RUSSOTTO                       6,5

Catalizza su di sé la maggior parte dei palloni giocati dalla Samb, creando scompiglio nella trequarti brianzola e pescando Di Massimo con un lancio di quasi trenta metri nell’azione del secondo pareggio.


ROCCHI                                           6

L’infortunio accorso a Zaffagnini costringe Roselli ad utilizzarlo come esterno destro, abbassando Celjak nei tre dietro. Si impegna, anche se alle volte non è abbastanza preciso nelle giocate.

DI MASSIMO                   7

Nel gelo del Brianteo ha un impatto vulcanico sulla partita: appena entrato confeziona di tacco un assist al bacio per Stanco, poi si fa notare con diverse giocate che fanno ballare la difesa di Brocchi.

Daniele Bollettini

Condividi questo post: