Sudtirol, storia e curiosità: nel cda biancorosso non c’è nessuno di origini italiane



Nel 1974 a Bressanone nasce lo Sport Verein Milland, con Ubald Comer; nel 2001 la società biancorossa (militante in Serie C2) si trasferisce a Bolzano e viene eletto presidente del Südtirol F.C. Leopold Goller. Nel 2009/10 la squadra allenata da Alfredo Sebastiani si classifica al primo posto del girone A di Seconda Divisione ed approda in terza serie. Attualmente il Südtirol è la squadra di calcio professionistico con la sede amministrativa più a nord di tutta l’Italia. Le partite interne si giocano allo stadio Druso, unico impianto dell’Altro Adige omologato per ospitare partite di calcio professionistico: terreno di gioco in erba naturale, capienza di 3.000 posti. Il sodalizio è guidato da Walter Baumgartner, presidente del consiglio di amministrazione; i soci del club sono tutti tirolesi, nessuno ha origini italiane. Allenatore della prima squadra è Stefano Vecchi. Il match di andata, terminato in parità è stato quello dell’esordio di Mauro Zironelli (dimessosi dopo Samb-Fano) sulla panchina sambenedettese.


IL PRECEDENTE

SUDTIROL-SAMB 0-0

SUDTIROL (4-3-1-2): Poluzzi, El Kaouakibi, Malomo, Vinetot, Fabbri; Tait, Gatto, Karic (40’st Greco), Casiraghi (22’st Turchetta); Magnaghi (22’st Fink), Rover (40’st Semprini). A disp. Meneghetti, Pircher, Curto, Gigli, Davì, Calabrese. All. Vecchi.

SAMB (3-5-2): Nobile; Enrici, D’Ambrosio, Di Pasquale; Scrugli (43’st Lavilla), Shaka Mawuli, Angiulli, D’Angelo (15’st Rocchi), Liporace (43’st De Goicoechea); Lescano (15’st Botta), Maxi Lopez (5’st Nocciolini). A disp. Laborda, Biondi, Occhiato, Malotti, Serafino, Masini, De Cancio. All. Zironelli.

ARBITRO: Pascarella di Nocera Inferiore (Somma-D’Apice, Perenzoni).


Condividi questo post: