Samb-Renate, nel primo tempo poco calcio e tanta pioggia: 0-0


SAMB – RENATE 0-0
MARCATORI:

LE FORMAZIONI
SAMB (3-5-2): Perina; Conson, Miceli, Patti; Rapisarda, Bellomo, Gelonese, Marchi, Tomi; Valente, Miracoli. A disp: Pegorin, Ceka, Mattia, Di Massimo, Di Pasquale, Stanco, Candellori, Bacinovic. All: Capuano.
RENATE (4-3-1-2): Di Gregorio; Anghileri, Teso, Di Gennaro, Vannucci; Simonetti, Pavan, Palma; Finocchio, Gomez, Lunetta. A disp: Cincilla, Malgrati, Mattioli, De Micheli, Fietta, De Luca, Ungaro, Ferri, Scaccabarozzi, Piscopo. All: Cevoli.
ARBITRO: Viotti di Tivoli (Guglielmi-Colizzi).
ESPULSI:
AMMONITI: 21’pt Miceli.
ANGOLI: 1-1.
RECUPERI: 1’.
NOTE: Pioggia copiosa sul Riviera, 7 gradi. Terreno di gioco evidentemente appesantito. Samb in completo rossoblù, maglia bianca per il Renate.

Poco dopo la mezz’ora Rapisarda scivola mestamente sul pallone impantanato nel fango del Riviera delle Palme. Questo è il ritratto del primo tempo giocato tra Renate e Samb. Pochi minuti prima del fischio iniziale le nuvole, che sovrastano la riviera, iniziano a gettare secchiate d’acqua sul già provato rettangolo dell’impianto sambenedettese. Non è proprio la gara per gli appassionati di calcio: sembra quasi un incrocio tra pallanuoto e rugby. La sfera schizza sulle pozze e il fatto che le zone del terreno più giocabili siano quelle a ridosso degli out esterni fanno sì che si proceda di touche in touche, per guadagnare metri. I portieri restano inoperosi per buona parte della prima frazione con Di Gregorio chiamato all’azione al 35’. Bellomo si presenta a battere il primo calcio d’angolo assegnato da Viotti di Tivoli. Va l’ex Alessandria dalla bandierina e il portiere nerazzurro smanaccia via la sfera destinata alla testa di Conson. Sei minuti dopo i padroni di casa si ripropongono in avanti, sempre con un piazzato. Stavolta la sventagliata di Tomi è preda dell’estremo ospite che blocca. In chiusura il Renate si proietta in attacco e sfiora il vantaggio con Lunetta che non riesce ad approfittare di una rasoiata di Gomez in area scivolando in rete e anticipando il pallone. La sfera arriva a Palma che impegna Perina in una difficile parata.

Condividi questo post: