Fedeli: «Abbiamo tribolato, ma ci sono abituato. Giovani? Ne abbiamo tanti e giocano bene»


FRANCO FEDELI: «Era doveroso andare a salutare i tifosi, questi si ragazzi si fanno sempre tanti chilometri per essere con noi, ci seguono ovunque. Come farli felici? Da parte mia cerco sempre di guardare avanti provando a fare bene.  Alla fine della partita sono soddisfatto anche se abbiamo tribolato parecchio, ma ormai è una costante e ci sono abituato. Sono andato a salutare i tifosi perché ci seguono sempre dappertutto ed era giusto andare da loro. Sul caso Fanesi non mi espongo, non conosco i fatti e preferisco non esprimermi. Sorrentino è stato un mio pupillo in Serie D che forse è la categoria che merita. Non ho visto grosse individualità nel Teramo ma ci hanno messo l’anima fino alla fine. Penso che nel calcio di oggi sia molto importante investire sui giovani, noi lo facciamo e penso che si è visto perché in campo di giovani ne avevamo diversi e penso che si siano comportati abbastanza bene».

Redazione

Condividi questo post: