Cessione, per ora Fedeli batte tre piste: Paris più avanti



Proseguono le trattative per la cessione della Samb. Ancora incerto il destino del club che resta, in ogni caso, nelle mani del presidente Franco Fedeli. Le sue parole sull’eventuale iscrizione fanno tremare i tifosi, dal momento che, qualora non trovassero sbocchi le trattative in corso, il patron ha fatto sapere che difficilmente si prenderebbe tale impegno.

Resta viva la pista che porta a Gianni Paris, le cui offerte sul tavolo sembrano aver catturato l’interesse dell’imprenditore laziale: o l’acquisto delle quote del club, per una cifra che si aggira sui 500mila euro, o la possibilità di entrare in società in veste di main sponsor per due stagioni e poi rilevare la società nel biennio 2021/2022. Con Paris, imprenditore abruzzese che opera nel settore immobiliare, potrebbero arrivare a San Benedetto anche alcuni dirigenti di categoria.

Un’altra alternativa è quella fornita dall’aquilano Eliseo Iannini, che tuttavia in un primo approccio con Fedeli ha ricevuto una richiesta economica per la società che si aggira sul milione di euro. Iannini ha incontrato anche il sindaco sambenedettese Piunti per conoscere la situazione inerente il Riviera delle Palme.


Ultima pista, sempre abruzzese, è quella che porterebbe all’ex vice presidente del Pescara Antonio Oliveri che già in passato era stato accostato al rossoblù sotto la gestione Bucci-Moneti.

Condividi questo post:
error