Ritiro finito, calciomercato no: il punto di Alessio Perotti


E’ stato mandato in archivio, con soddisfazione da parte di Magi e dello staff tecnico rossoblu, il ritiro di Roccaporena, anche se la Samb, come le altre società di una sempre più strampalata C, dovrà restare “a bagnomaria” almeno per una settimana in più in un precampionato, che rischia di prolungarsi “sine die”. L’ennesima caotica estate del calcio italiano, vissuta pericolosamente tra fallimenti, acrobatici passaggi di proprietà, mancate iscrizioni, ripescaggi sì, ripescaggi no, ricorsi ad enti di giustizia sportiva e non, fantasiosi format, ipotetiche riforme e chi più ne ha ne metta sta conducendo ad una inverosimile paralisi dei campionati (VEDI QUI APPROFONDIMENTO). E’ ovvio, a partire dalla serie B, che ha clamorosamente annunciato l’emissione dei calendari a 19 squadre per lunedì 13 Agosto, in giù a cascata verso l’inferno calcistico delle serie minori, perché il paradiso della massima categoria, beh, quello no, non si può nemmeno sfiorare col suo mondo dorato di “paperon de’ paperoni” (in campo e fuori) e carrozzone televisivo a rimorchio. Ci sarà da ridere (per non piangere…) quando a campionati iniziati fioccheranno gli esiti dei ricorsi, che se provenienti dalla giustizia ordinaria (vedasi TAR del Lazio) dovranno essere necessariamente rispettati da quella sportiva, comportando radicali modifiche in corso e riecheggiando, ma a più ampio spettro, il nefasto caso Modena dello scorso anno. Tornando all’unico aspetto, che ancora tiene veramente a galla questa specie di sport, almeno nello stivale italico, ovvero il campo, si può ritenere positiva la “capatina” rossoblu in Coppa Italia, conclusa similmente alla passata stagione con la stessa sconfitta di misura (2-1) in casa di una compagine cadetta bianconera (si è passati dal Manuzzi di Cesena al Picco di La Spezia). Risultanze incoraggianti con un concetto di squadra, a prescindere dal lay-out tattico a cui si affiderà prevalentemente mister Magi, che sta via via progredendo, così come il mix tra giovanissimi e meno giovani, tra i molti nuovi volti e i pochi confermati. Certo un input fondamentale per la definitiva crescita si attende dagli ultimi e decisivi movimenti di un mercato, finora ben condotto con ponderazione e interessanti prospettive, ma ora un tantino ingessato dalle stucchevoli vicissitudini di Miceli e Stanco. Ci sarà tempo fino al 25 Agosto (salvo proroghe e ripensamenti…) per centrare gli ultimi tasselli in grado di far lievitare l’organico di Magi e i sogni dei tifosi rossoblu.

Alessio Perotti


Condividi questo post: