Vis Pesaro, storia e curiosità: è una delle squadre più antiche d’Italia



La Vis Pesaro è l’undicesima squadra più antica d’Italia. Nasce col nome di Vis Sauro Pesaro e nei primi anni si occupa di vari sport: pallone col bracciale, nuoto, atletica ed in seguito il calcio; la denominazione cambia poi in Vis Pesaro 1898. Fino agli anni Venti i biancorossi militano nei campionati regionali, poi Serie C e Serie D diventano il palcoscenico principale. Nel 1968/69 la Vis sfiora la promozione in Serie B, mentre nel 1984 sprofonda in Eccellenza. Il club torna nei campionati professionistici, ma nel 1993 fallisce e scende in Serie D. Il ritorno in C1 avviene nel 1998/99. Nella stagione 2004/05 la Vis Pesaro retrocede in C2 e nell’estate 2005 viene esclusa dal campionato sprofondando in Promozione: solo la fusione con altre società del posto (Villa Ceccolini) permette di tornare in Eccellenza. Nel 2010/11 la promozione in Serie D, mentre nell’estate 2015 viene ripescata dopo essere retrocessa in Eccellenza. Nel 2017/18 l’approdo tra i professionisti arriva all’ultima giornata ai danni del Matelica. La presidenza del club è affidata a Mauro Bosco, allenatore della prima squadra è Simone Pavan. Le gare interne si svolgono al “Tonino Benelli”: terreno di gioco in erba naturale, capienza di 4800 posti, costruito nel 1927. La partita di andata è stata vinta dai vissini 2-1.

IL PRECEDENTE

VIS PESARO-SAMB 2-1

MARCATORI: 9’pt Grandolfo, 33’pt Di Massimo, 15’st Voltan

VIS PESARO (3-5-2): Bianchini; Farabegoli, Gennari, Lelj; Misin, Rubbo (30’st Tessiore), Paoli, Ejjaki (41’st Lazzari), Pedrelli; Voltan (33’st Gianola), Grandolfo (41’st Malec). A disp. Golubovic, Gabbani, Pannitteri, Botta, Gomes Ricciulli, Adorni, Tascini, Romei, All. Pavan.

SAMB (4-3-3): Santurro; Rapisarda, Miceli, Di Pasquale, Gemignani (33’st Trillò); Gelonese (41’st Panaioli), Angiulli, Piredda (23’st Bove); Orlando (1’st Volpicelli), Cernigoi, Di Massimo (23’st Frediani). A disp. Raccichini, Fusco, Zaffagnini, Rocchi, Carillo, Brunetti, Garofalo. All. Montero.


Condividi questo post: