Teramo, Palladini già ad un bivio: col Padova servirà un miracolo


Non c’è pace a Teramo e il cambio in panchina non sembra, fino ad ora, aver portato i risultati sperati. L’arrivo di Ottavio Palladini non ha invertito il negativo trend lasciato dal predecessore, Antonino Asta. Un solo punto raccolto in quattro partite non aiuta il diavolo a tirarsi fuori dalla zona melmosa della classifica. La caduta casalinga, brutta e piuttosto inaspettata, seppur preventivabile contro un Bassano in forma smagliante, mette il tecnico nella scomoda posizione di sedere su una panchina già traballante. Il mercato non ha migliorato di molto la situazione e il gioco continua a stentare così le voci che filtrano da un Bonolis avvolto nella rete del silenzio stampa parlano del tecnico sambenedettese già a rischio.

I biancorossi hanno incontrato Ravenna, Pordenone, Fermana, FeralpiSalò e Bassano fino ad ora. I due punti della gestione Palladini sono frutto dei pareggi rimediati contro i giallorossi romagnoli ed i Leoni del Garda.

Condividi questo post: