«Secondo posto alla portata, ma non possiamo aspettare sempre le altre»


La sconfitta di Bassano, in casa Samb, ha aperto una ferita che difficilmente potrebbe rimarginarsi. Il già difficile rapporto tra Ezio Capuano e Franco Fedeli è andato ulteriormente sgretolandosi sotto i colpi delle uscite a mezzo stampa del presidente. A VeraTv, il numero uno di Viale dello Sporto, ha un po’ gettato acqua sul fuoco:

«È arrivata la prima sconfitta dopo una serie di sei gare positive, lo so. Ma poco conta. Noi nel primo tempo non facciamo un grosso calcio, poi siamo bravi a cambiare tutto con le sostituzioni. Per me c’è qualche giocatore non all’altezza. Non abbiamo fatto un tiro in porta contro il Bassano e un nostro difensore ha regalato il vantaggio agli avversari. Per fortuna la Reggiana ha perso, siamo ancora in corsa per il secondo posto, ma non è che possiamo solo aspettare le tragedie degli altri. Avevamo le possibilità per fare qualcosa di meglio. Ora concentriamoci a chiudere questo campionato. Mi chiedo da diverso tempo perché regaliamo un tempo all’avversario».

C’era un mistero che ancora avvolgeva gli uffici di Viale dello Sport. Il dubbio risale a prima dell’arrivo di mister Ezio Capuano sulla panca rossoblù e riguarda il suo predecessore: Francesco Moriero. Il post-SudTirol, in casa Samb, è stato parecchio rumoroso con l’annuncio delle dimissioni e poi l’esonero del tecnico. Restava un alone di “polvere” che copriva l’effettivo stato delle cose e che il presidente Franco Fedeli ha sollevato con un soffio:

«Io non ho rimpianti, io non rimango mai niente nella vita. Quando Moriero è stato allontanato è perchè si era reso necessario questo cambio. Ma è ancora un tesserato della Sambenedettese».

MORIERO

Commenti
Condividi questo post: