Samb-Rimini, LE PAGELLE: difesa perfetta, Di Massimo spacca



SAMB-RIMINI 2-0, LA CRONACA

MONTERO: «OGGI SONO ARRABBIATO»

FEDELI: «CERCHIAMO DI TORNARE QUELLI DI PRIMA»

di Daniele Bollettini

SANTURRO                      6

Finalmente una partita tranquilla per il numero uno rossoblù sia sotto l’aspetto dei tiri subiti che su quello disciplinare. Le poche conclusioni riminesi difettano in precisione e lui deve solo fare buona guardia sulle uscite.

RAPISARDA                      6,5

Dopo aver saltato la trasferta di Reggio per somma di ammonizioni il capitano ha tante energie da spendere e va a tutta fin dalle prime battute. Firma almeno tre assist che meriterebbero maggior fortuna. Agguerrito.

BIONDI                             7

Attento in marcatura su Marchi e padrone dell’area di rigore soprattutto sui cross alti. Non fa rimpiangere un’assenza pesante come quella di Miceli.

DI PASQUALE                  7,5

Preciso nell’intervenire sugli sporadici cross che arrivano in area rossoblù si vede annullare ingiustamente un gol di testa al 20’ della ripresa (inesistente carica sul portiere). Il copione si ripete dieci minuti più tardi ma un difensore biancorosso ricaccia sulla linea bianca il suo tiro di testa. Tanto bravo quanto sfortunato.

GEMIGNANI                    7

Sarebbe curioso impiantargli un gps per vedere la distanza percorsa in ogni partita. Corre almeno per due come si vede quando nel secondo tempo chiude una diagonale difensiva sulla fascia opposta.

GELONESE                       6

Si vede che smania dalla voglia di contribuire al ritorno al successo ma talvolta risulta precipitoso ed impreciso. Si fa comunque rispettare in fase di interdizione e pressando a tutto campo.

ANGIULLI                         6

Pimpante sulla mediana anche se fatica un po’ più del solito a verticalizzare. Gioca tanti palloni e prova a tenere alta la pressione alimentando il primo pressing sul portatore di palla avversario.

FREDIANI                         7,5

Fornisce spessore e un minimo di imprevedibilità nel non certo spumeggiante reparto mediano rossoblù. Qualche proficuo dialogo con Orlando prima di crescere ulteriormente di tono con Di Massimo e chiudere il match. Quarto sigillo personale.

VOLPICELLI                      7

Con la palla al piede disorienta il proprio controllore, spesso superato in dribbling. A forza di mettere palloni in mezzo all’area, confeziona l’assist vincente per Di Massimo. Sempre più valore aggiunto.

CERNIGOI                        6

Ancora a bocca asciutta dopo la scorpacciata col Piacenza. Scotti gli nega la gioia volando all’incrocio, mentre nella ripresa non arriva di un soffio su un paio di traccianti aerei. Ha bisogno di tornare quanto prima al gol.

ORLANDO                        6,5

Sui suoi piedi capita una delle poche occasioni del primo tempo ma il tiro a botta sicura viene respinto da Scotti con una prodezza di piede. Sostituito da Di Massimo prima che scocchi l’ora di gioco.

DI MASSIMO                   8

Il suo ingresso in campo è la chiave di volta della partita: ben posizionato per capitalizzare lo splendido cross di Volpicelli, si rende molto pericoloso anche dopo la marcatura. Protagonista anche nell’azione del raddoppio.

CARILLO                           S.V.

Prende il posto di un ottimo Di Pasquale quando i tre punti sono già al sicuro.

BRUNETTI                        S.V.

Il suo ingresso serve più per far tributare a Volpicelli un meritato applauso che altro.


Commenti
Condividi questo post: