Samb-Porto d’Ascoli 0-2, LE PAGELLE: Ferretti e Lorenzoni ci provano, Mendicino non pervenuto


SAMB-PORTO D’ASCOLI 0-2, LA CRONACA
DONATI: «DECISIONI ARBITRALI SEMPRE CONTRO DI NOI»

ABBRANDINI     6,5

Freddato senza alcuna possibilità di intervento da Napolano, perfetto nella finalizzazione dell’uno contro uno che porta al primo gol arancio. Come era avvenuto contro la Recanatese, è bravissimo sul rigore calciato da Battista, ma i suoi compagni dormono e lo stesso attaccante del Pd’A può ribadire in rete.

ALBONI              5,5

Tra i pochi ad esprimersi sopra la sufficienza nelle prime uscite ufficiali, stavolta paga dazio anche lui. Graziato dal direttore di gara nel finale del primo tempo: la sua trattenuta su un avversario lanciato verso la porta è leggera, ma potrebbe essere sanzionata anche con qualcosa di più di un’ammonizione.

CIPOLLETTA       5

Napolano gli sguscia via a piacimento, soprattutto quando si abbassa sulla trequarti e prende velocità. Commette anche un paio di brutte disattenzioni in disimpegno.

VARGA               5,5

Nel primo tempo salva il momentaneo pareggio con una scivolata in piena area piccola per anticipare Napolano su cross di Battista. Ma poi perde le misure anche lui.

MIRUKU             5

Torna a vestire una maglia da titolare, ma è in costante apprensione sulle sortite di Verdesi. Sostituito quando scocca l’ora di gioco.

LORENZONI       6

Adattato come interno di centrocampo, nel primo tempo è suo uno dei pochissimi spunti degni di merito: un cross che Mendicino prova a deviare in rete, senza esito. Nella ripresa colpisce il palo con un bel colpo di testa.

ISACCO               5,5

Con le assenze degli squalificati Lulli e Amoruso, oltre ad Angiulli ancora non impiegabile, Donati non può che schierare l’ex Fermana in mezzo. Lui, però, non ha mai in mano le redini del gioco.

LISI                      5,5

Abbassato sulla linea dei centrocampisti con l’intento di avere un po’ più di gamba sulla mediana, ma dalla teoria alla pratica ci sono di mezzo tutte le difficoltà che si palesano

FERRETTI            6,5

Anche contro il Porto d’Ascoli è l’unico capace di impensierire la difesa avversaria con giocate che però non trovano mai l’esito sperato. Sfiora il gol in almeno un paio di circostanze nel secondo tempo. Profeta nel deserto.

MENDICINO      4,5

Ancora una prestazione nettamente insufficiente per il numero 9, che si fa vedere soltanto nel finire di primo tempo con un tiro in scivolata deviato in angolo. Per il resto non dà mai neanche l’impressione di essere pericoloso.

TRAVAGLINI      5,5

Largo a sinistra nei tre d’attacco si fa vedere soltanto al 9’ quando è autore di un bello scambio al limite dell’area con Ferretti. Decisamente troppo poco, però, per scardinare la difesa arancio.

DI DOMENICANTONIO 5

A dir poco ingenuo quando nello slancio abbatte Rossi e provoca il rigore che porta al raddoppio del Porto d’Ascoli. Nel finale un suo sinistro potente viene alzato sopra la traversa da Testa.

CUM                   5,5

Col passaggio al 4-3-3, e quindi con la rinuncia ad un attaccante rispetto alle prime partite, viene relegato in panchina. Un paio di spunti, neanche troppo convinti, nella ripresa.

PERONI              5,5

Tesserato meno di 48 ore prima del match, fa il suo esordio in un momento deprimente.

DE SANTIS         S.V.

Prende il posto di Varga nel quarto d’ora finale, col Porto d’Ascoli che sembra ormai aver rinunciato ad inferire sugli avversari.

AMATO              S.V.

Entra a recupero già iniziato e a partita praticamente finita.

Commenti