Samb-Fermana 0-1, LE PAGELLE



SAMB-FERMANA 0-1, LA CRONACA

MONTERO: «LA SCONFITTA PIÙ TRISTE»

FEDELI: «DISGUSTATO, SQUADRA SENZA GRINTA»

MASSOLO                        5

L’esordio da sogno di Trieste sembra lontano per il giovane portiere che non sta vivendo un ottimo momento: si sente sotto pressione quando rinvia da fuori area e non riesce a colpire bene propiziando la gran giocata di Neglia che vale i tre punti.

RAPISARDA                      6,5

Sembra tornato quello dei tempi migliori nel primo tempo, quando affonda costantemente lungo la corsia destra, premendo senza sosta. Come il resto della squadra paga le energie profuse, quando pian piano nella ripresa si spegne.

BIONDI                             6,5

Tiene bene le distanze di una difesa che viene sollecitata solo nell’ultima mezzora di gioco. Va anche vicino al gol ad inizio ripresa, ma Ginestra si oppone alla grande ad una sua conclusione ravvicinata.


DI PASQUALE                  6

Non si risparmia nel duello fisico con Cognigni su cui è bravo a giocare spesso in anticipo. Deve sudare molto di più quando entra in campo Bacio Terracino, ma se la cava comunque.

GEMIGNANI                    5,5

Prova incolore del laterale sinistro, che raramente oltrepassa la metà campo. Peccato perché le sue discese sarebbero servite, lui invece si limita ad arginare Petrucci nel primo tempo e Clemente nella ripresa.

ROCCHI                           6,5

Nella prima frazione si rivede il miglior Rocchi, capace di fornire imprevedibilità e incisività alla manovra. Va anche due volte vicino al gol: prima spara di poco alto, poi viene stoppato dall’insuperabile Ginestra. Scompare però dopo un’ottima ora.

ANGIULLI                         6

Tiene alto il baricentro della squadra, pressando alto e facendo ripartire lestamente l’azione. Va invece in affanno quando nella ripresa Antonioli inserisce forze fresche a centrocampo, che lo costringono ad affrettare le giocate, risultate imprecise.


FREDIANI                         5,5

Si inserisce bene nella prima frazione, accelerando il ritmo e presentandosi spesso negli ultimi sedici metri. Col passare dei minuti però i canarini gli prendono però le misure, rendendolo innocuo.

ORLANDO                        5,5

Dopo un inizio positivo sulla destra, con diversi cross indirizzati in area di rigore, nel secondo tempo non riesce a combinare quasi nulla e si nota solo con una sbilenca conclusione acrobatica nel recupero.

CERNIGOI                        6,5

Lì davanti fa di tutto e di più: apre gli spazi per i compagni, li imbecca con giocate da fantasista e quando arriva il pallone giusto in area di rigore finalizza come meglio può. Peccato che dall’altra parte trovi quel mostro di Ginestra.

VOLPICELLI                      6

Schierato come esterno sinistro si fa subito notare con un gran diagonale di prima intenzione su cui Ginestra compie una prodezza (la prima di una lunga serie) di piede. Ci prova spesso in dribbling, ma i suoi marcatori sono attenti.

DI MASSIMO                   5,5

È il primo rinforzo dalla panchina ma in mezzo al campo non aggiunge nulla, non trovando mai la soluzione giusta per scardinare la nutrita difesa fermana.

GRANDOLFO                   5,5

Prende il posto di uno stanco Cernigoi, ma non riesce ad essere nel vivo dell’azione come aveva fatto il numero 9, anche perché la Samb nel finale accusa la stanchezza.

PIREDDA                          6

Un fallo tattico e un paio di ottime giocate nello scampolo di partita che gli viene concesso. È in forma e può trovare più spazio.

GELONESE                       S.V.

Prende il posto di Frediani nel quarto d’ora finale senza aver modo di farsi notare sulla trequarti avversaria.


Commenti
Condividi questo post: