Palladini ammette: «C’è da lavorare sulla testa. Dobbiamo far giocare i ragazzi in modo sereno»


L’allenatore dopo il ko con l’Ancona: «E’ un periodo in cui sbagliamo tanto: primo tempo equilibrato, poi abbiamo attaccato ma siamo stati confusionari. Soffriamo contro le squadre che si chiudono»…

Palladini non può difendere l'incolore prestazione dei suoi, ma cerca di salvare il salvabile:

«Nel primo tempo la partita è stata abbastanza equilibrata ed entrambe le squadre avrebbero potuto segnare, però abbiamo regalato quasi un tempo agli avversari. Nella ripresa abbiamo attaccato, ma siamo stati troppo confusionari. Forse qualcuno, a centrocampo, sta rendendo meno di quelli che sono gli abituali standard. L’Ancona ha chiuso tutti gli spazi e, dopo il vantaggio, ha pensato a difendersi e contro le squadre che si chiudono soffriamo troppo. Oggi abbiamo regalato il vantaggio, ma dobbiamo lavorare su queste cose e sulla testa dei ragazzi per farli giocare in modo sereno».

Voltare pagina:

«È un momento in cui stiamo sbagliando tanto a livello tecnico e questo ci penalizza. Ora incontreremo il Pordenone che è una squadra fortissima ed attrezzata per vincere. A livello di mercato, credo ci saranno delle valutazioni da fare per sistemare le cose in campo, ma adesso non è il momento. Io non sono demoralizzato, dispiace aver perso un derby perché i nostri tifosi ci credevano e questo è il rammarico più grande. Ci vuole entusiasmo perché nel calcio è necessario per lavorare al meglio».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: