Matelica: la questione stadio in via di definizione



La promozione in Lega Pro ha aperto la problematica della questione stadio. Ormai è chiaro che la Serie C non possa giocarsi al Giovanni Paolo II a meno di una costosa ristrutturazione per la quale, tra l’altro, non ci sono i tempi tecnici. Questo ha comportato che in casa Matelica si aprisse il problema di trovare una location alternativa. Negli ultimi tempi si sono fatti i nomi di Macerata (la più gettonata), Ancona e Gubbio.

Il DG biancorosso Roberta Nocelli parla proprio di questo argomento caldo: «Da questo punto di vista noi stiamo parlando e trattando, se si può dire così, con diverse realtà. Sia all’interno del territorio marchigiano che in regioni confinanti perchè la Lega Pro consente di avere una deroga anche fuori regione. Quindi noi stiamo tenendo aperti tutti gli scenari possibili.

A breve dovremmo raggiungere degli accordi più precisi. Entro il fine settimana dovremmo avere la quasi certezza di dove giocheremo la prossima stagione. Comunque non chiudiamo nessuna porta perchè poi c’è anche la volontà di iniziare in modo serio e tranquillo. Di essere preparati per affrontare questa stagione nelle condizioni migliori e idonee. Non per fare i pendolari, altrimenti sarebbe un campionato inutile».


Condividi questo post: