La Samb e Franco Fedeli, un quinquennio agrodolce



È iniziato col rombo della sua Ferrari, si è concluso invece nel silenzio della quarantena (successiva a tre sconfitte consecutive) il ciclo di Franco Fedeli alla guida della Samb, un quinquennio che lo ha reso il presidente più longevo del dopo-Zoboletti. Sembrava ormai un personaggio dei verghiani “Malavoglia” l’ex patron rossoblù, che a più riprese negli ultimi due anni ha esternato insofferenza e l’intenzione di mollare, volendo però nel contempo lasciare la società in buone mani e speriamo tanto che l’abbia fatto. Tutto ha inizio e tutto ha una fine, così vanno le cose e la vita stessa: è quindi naturale che anche il periodo di Fedeli avviatosi molto bene e spentosi modestamente abbia avuto un suo prevedibile compimento. Nel frattempo nel suo tritacarne sono passati allenatori (solo Sanderra e Montero non hanno subito l’esonero), direttori sportivi (solo Fusco è rimasto nelle sue grazie), direttori generali e persino il figlio Andrea. Si capisce perciò che non sia proprio semplice convivere con Fedeli, la cui presidenza solo a San Benedetto è durata così a lungo. E allora tracciamo quindi un bilancio di questa gestione “agrodolce”, tirando una riga tra “like” ed “unlike”.

Like

  • In primis ovviamente il ritorno tra i professionisti agognato per sette anni e coronato nel 2016 al termine di un campionato dominato
  • La partecipazione costante ai play off di C, anche se a parte il 2017/18 con il terzo posto nelle altre annate vi si è approdati da posizione sfavorevole (settimo, nono e decimo piazzamento)
  • La puntualità nelle iscrizioni e nei pagamenti ai tesserati, che dovrebbe essere un normale requisito di una corretta ordinaria gestione e che invece dati i precedenti a San Benedetto ha rappresentato un’eccezione

Unlike

  • A parte la Serie C, che comunque niente non è, il presidente uscente lascia davvero poco in dote a Serafino tra organizzazione societaria, impiantistica, organico tecnico e vivaio
  • Fedeli ha sempre detto di voler vincere e di puntare in alto, ma quando sembrava davvero in grado di provare il grande salto in B, si è puntualmente smarrito (in particolare nel 2017/18 con un mercato invernale poco ambizioso e il clamoroso esonero di Capuano alla vigilia dei play off)
  • La sua idiosincrasia ai contratti pluriennali, costata cara in particolare nel caso di Mancuso
  • Lo scarso legame stabilito con la piazza anche nei momenti migliori.

Approfondendo quest’ultimo punto, diciamo che non è mai scattata la scintilla di un vero amore tra l’ambiente rossoblù e Fedeli, spesso scostante, esagerato nelle dichiarazioni post-partita e talvolta pure ingiustamente critico ed ironico verso il passionale pubblico di casa nostra, invidiato da tante piazze. È stato come un matrimonio tiepidino, in cui per il bene di ciascuno ci si sopporta a vicenda, ma assolutamente senza trasporto reciproco.

E allora caro Fedeli, un grazie per averci riportato in Serie C, la categoria maggiormente disputata dalla Samb nella sua storia, ti va giustamente tributato, ma ora è stato giusto lasciarsi così, apparentemente senza rancore.

Alessio Perotti


Condividi questo post: