Caos Serie C, Andrea Gianni: «Riforme e regole più certe: ci vuole coraggio»


La Serie C non sa più dove sbattere la testa in questa estate di (soliti) tumulti tra mancate iscrizioni, ricorsi e controricorsi alla Giustizia Sportiva, esperimento fallimentare della squadre B e chi più ne ha più ne metta (QUI LE PAROLE DI GRAVINA). Investite indirettamente da questo caos sono società come la Samb, che hanno già presentato tutte le documentazioni con tempi e modalità richieste e sono in attesa di veder partire il campionato. Al riguardo il direttore generale Andrea Gianni ha parlato così al Corriere Adriatico: «Ci vogliono regole più certe. Non credo che l’eventuale sciopero possa migliorare la situazione, però è venuto il momento in cui occorre coraggio per fare le riforme che necessitano – ha detto il d.g. rossoblù –. La Lega Pro è stata obbligata a far slittare gironi, calendari e inizio del campionato perché ci sono numerosi ricorsi ancora pendenti e non si conoscono quante e quali squadre parteciperanno al prossimo torneo di Serie C».

Redazione


Condividi questo post: