Atletico Ascoli-Porto d’Ascoli 1-3, biancocelesti a un passo dai play off



ATLETICO ASCOLI – PORTO D’ASCOLI: 1-3
Atletico Ascoli (4-3-3): Albertini; Vallorani, Filipponi, Nicolosi, Felicetti; Gabrielli, Raffaello (17’st Mariani), Ciarmela (36’st Santoni); Nociaro, Iori (23’st Filiaggi), Giovannini (28’st Adami). Allenatore: Aloisi.
Porto d’Ascoli (4-3-3): Testa; Petrini, Passalacqua, Sensi, Pasqualini; Evangelisti, Rossi (42’st Orsini), D’Alessandro; Battista (31’st Fabrizi), Napolano (21’st Shiba), Cinaglia (18’st Puglia). Allenatore: Ciampelli.
Arbitro: Bonomo di Collegno (Sannucci-Baldisseri)
Reti: 20′ rig. Battista, 31′ rig. Napolano, 9’st rig. Iori, 27’st Puglia
Note. Ammoniti: Rossi , D’Alessandro, Nociaro, Giovannini, Felicetti. Recuperi: 1’+ 5′.

Il Porto d’Ascoli espugna il Picchio Village per 3-1 e a 90′ dalla fine del torneo di Eccellenza si mette in una posizione di favore per la qualificazione playoff. I ragazzi di Ciampelli, infatti, hanno agganciato a quota 15 proprio gli ascolani ma hanno il vantaggio degli scontri diretti e, quindi, basterà battere l’Azzurra Colli per accedere alle semifinali promozione.

Il risultato si sblocca al 20′ quando Napolano calcia una punizione dal limite col pallone che incoccia la mano di Nociaro. Per l’arbitro non ci sono dubbi, è rigore. Dal dischetto va Battista che mette dentro. Alla mezzora arriva il 2-0, sempre dal dischetto dopo che Vallorani aveva atterrato lo scatenato Battista. A realizzare il penalty ci pensa Napolano.

Ad inizio ripresa Napolano va ad un passo dal tris ma Albertini è bravissimo a volare togliendo la palla dall’angolino basso. Al 9′ la gara si riapre con il terzo rigore di giornata commesso da Cinaglia su Felicetti. Dal dischetto Iori realizza con freddezza. I bianconeri ritrovano slancio ma, al 27′, Battista porta avanti il pallone di caparbietà servendo Puglia che in area piccola si gira e batte Albertini con un tocco di giustezza.

Nell’ultimo quarto d’ora l’Atletico Ascoli comprime nella propria metà campo i rivieraschi ma la difesa guidata da Passalacqua e Sensi regge benissimo.


Commenti