Aridità: «A Fermo sarà una battaglia. Fiero di far parte di questa squadra»


Il portiere rossoblù a tutto tondo, dalle favorite per la Serie B alle sue condizioni fisiche. Parole al miele su mister Moriero e compagni come Di Massimo ed Esposito…

Conferenza stampa in casa Samb in vista della seconda giornata di campionato contro la Fermana. Queste le parole del portierone Aridità, intervistato su vari temi:

«Partire col piede giusto era importante, la prima partita era fondamentale per iniziare la stagione con tre punti, abbiamo aggredito la gara nel modo giusto ed in campo si è visto il risultato. Abbiamo vissuto una settimana tranquilla e serena grazie alla vittoria, ci tenevamo a partire bene davanti al nostro pubblico dopo un mese e mezzo di duro lavoro».

Poi, sul lavoro di Moriero:

«Ha un carattere forte, ha cercato di trasmetterci subito una mentalità vincente, sin dal primo giorno di ritiro. Per fare una grande stagione dovremo essere in grado di mantenere questo profilo».

Riguardo il tema campionato, Aridità lo ha definito equilibrato ed incerto:

«Secondo me sarà campionato difficile, ci sono molte squadre forti e attrezzate, come Vicenza ,Pordenone, Triestina. Noi cercheremo di essere protagonisti, perché siamo una squadra competitiva e vogliamo lottare ai vertici».

Inevitabile, poi, parlare dell'impegno a Fermo:

«È un Derby, affrontiamo una neopromossa e loro giocano in casa, sarà una battaglia. Il loro ambiente è caldissimo quando si affronta la Sambenedettese, dovremo affrontarli con la giusta testa».

Parole al miele poi, per i compagni di squadra, su tutti Esposito e Di Massimo:

«Mi avevano descritto Vittorio come un ragazzo difficile da gestire, ma si sta dimostrando un grande professionista in allenamento, mi ha stupito. Lo stesso Di Massimo ha un atteggiamento diverso rispetto allo scorso anno; io sono fiero di far parte di questa squadra, composta da molti grandi giocatori e soprattutto persone fantastiche».

Infine, sulla sua condizione fisica:

«Sto lavorando ogni giorno per raggiungere la miglior condizione, ho risentito di acciacchi dello scorso anno, a causa di un problema muscolare. Ringrazio lo staff che mi assiste quotidianamente».

Gian Marco Calvaresi

Condividi questo post: