Andrea Fedeli su Reginaldo: «Noi presi in giro». Domenica incontro giocatore-presidente


Il direttore generale pessimista sull’esito della trattativa: «Lui fa comunque parte del progetto tecnico della prossima stagione». Domenica faccia a faccia con Franco Fedeli…

RIEPILOGO – L’intera trattativa Reginaldo è sempre stata gestita direttamente dal presidente Franco Fedeli. Forse per scaldare l’ambiente con un nome altisonante, forse per inserire il primo tassello della Samb che sarebbe stata, il patron volle stringere i tempi per portare il brasiliano a San Benedetto in modo da avere una chiara valutazione del suo stato di forma dopo quasi due anni di inattività. «La Samb non conosceva la situazione di Reginaldo prima del suo arrivo. È probabile che il suo staff l’abbia fatto venire qui per rimetterlo in forma e, una volta comunitario, piazzarlo sul mercato. – Schiette e dirette, al solito, le dichiarazioni del direttore generale Andrea Fedeli in merito alla questione. – Temo ci siamo fatti prendere in giro. Mio padre è all’antica, gli piace portare avanti le trattative guardando le persone negli occhi concludendo con una stretta di mano, purtroppo nel mondo del calcio di oggi non funziona così».

DA ORA IN POI – Il giocatore continua ad allenarsi in riviera agli ordini di mister Palladini, seguendo tutte le sedute insieme ai rossoblù. Questo è il perno su cui ruota l’intera situazione: «Il procuratore cercava una squadra che lo rimettesse in forma e ha trovato la Samb – continua Fedeli – Ora sta temporeggiando perché il suo assistito si alleni con noi mentre lui innesca un gioco al rialzo e questo, a noi, non piace».

L’INCONTRO – Franco Fedeli vuole che il brasiliano resti a San Benedetto e, probabilmente, scavalcherà il suo procuratore incontrando il giocatore domenica, in occasione della trasferta abruzzese. Un primo dialogo si sarebbe dovuto instaurare  venerdì, ma solamente tra il numero uno di Viale dello Sport e il procuratore. La forma fisica è comunque lontana dai tempi migliori, anche se restano indiscutibili le capacità tecniche: «Se tornasse in forma potrebbe anche fare la Serie A» spiega Andrea Fedeli, scettico per natura che non vede possibile la permanenza del giocatore nella Samb di Lega Pro, lasciando comunque aperto uno spiraglio: «Il progetto tecnico della prossima stagione riguarda anche lui».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: