Ancora Miracoli, ancora una vittoria: la Samb passa a Mestre 2-1. LA CRONACA


MESTRE-SAMB 1-2

MARCATORI: 21’pt Miracoli, 35’st Miracoli, 39’st (rig) Beccaro.

MESTRE (3-5-2): Gagno; Casarotto (22’st Lavagnoli), Perna, Politti; Rubbo (15’st Zecchin), Gritti, Fabbri (37’st Pozzebon), Boscolo (15’st Sodinha), Beccaro; Neto Pereira (22’st Bussi), Sottovia. A disp. Favaro, Ayoub, Zanetti, Kirwan, Boffelli, Stefanelli, Bonaldi. All. Zironelli.

SAMB (4-3-3): Aridità; Rapisarda, Conson (1’st Miceli), Patti, Tomi; Gelonese, Bacinovic (34’st Di Massimo), Vallocchia (14’st Bove); Troianiello (14’st Damonte), Miracoli, Esposito (34’st Valente). A disp. Pegorin, Mattia, Sorrentino, Di Pasquale, Candellori, Di Cecco, Bengala. All. Moriero.

ARBITRO: Cipriani di Empoli (Madonia-Miniutti).

ESPULSO: 41’st Moriero.

MESTRE-SAMB 1-2

MARCATORI: 21’pt Miracoli, 35’st Miracoli, 39’st (rig) Beccaro.

MESTRE (3-5-2): Gagno; Casarotto (22’st Lavagnoli), Perna, Politti; Rubbo (15’st Zecchin), Gritti, Fabbri (37’st Pozzebon), Boscolo (15’st Sodinha), Beccaro; Neto Pereira (22’st Bussi), Sottovia. A disp. Favaro, Ayoub, Zanetti, Kirwan, Boffelli, Stefanelli, Bonaldi. All. Zironelli.

SAMB (4-3-3): Aridità; Rapisarda, Conson (1’st Miceli), Patti, Tomi; Gelonese, Bacinovic (34’st Di Massimo), Vallocchia (14’st Bove); Troianiello (14’st Damonte), Miracoli, Esposito (34’st Valente). A disp. Pegorin, Mattia, Sorrentino, Di Pasquale, Candellori, Di Cecco, Bengala. All. Moriero.

ARBITRO: Cipriani di Empoli (Madonia-Miniutti).

ESPULSO: 41’st Moriero.

Per la Samb la partita del Mecchia è la continuazione naturale del match di Reggio Emilia, non solo per ovvi motivi di calendario: i rossoblù scendono in campo con la stessa determinazione e sin dai primi minuti mettono alle corde i più riposati avversari (freschi dallo 0-3 a tavolino ottenuto a Modena). Pronti-via viene sfregata la lampada ed il genio Esposito, chiuso tra due avversari sulla sinistra, trova in area Vallocchia con uno splendido tocco morbido: sul tiro del reatino si oppone Gagno, chiamato in causa poco più tardi da Tomi con una punizione potente dai venticinque metri. Il Mestre si affaccia dalle parti di Aridità con un cross dalla sinistra per Neto Pereira (in ritardo), ma dietro soffre costantemente le sfuriate rossoblù, rese ancor più ficcanti dagli inserimenti delle giovani mezzali. Non a caso sui piedi di Gelonese capita una palla-gol ghiottissima al 17’. Il Mestre concede il fianco sinistro e si ritrova in area con un pericoloso 2vs3: Vallocchia arriva sul fondo e mette in mezzo all’indietro per Gelonese, che arriva in corsa e in scivolata colpisce la traversa. Moriero si sbraccia, ma può essere soddisfatto dell’approccio dei suoi, che al 21’ trovano il meritato vantaggio. Gagno sbaglia il rinvio dal fondo e regala il pallone a Troianiello: l’esterno napoletano tocca morbido sul secondo palo, dove Miracoli è puntuale di testa. Tutti ad abbracciare Troianiello, dieci minuti più tardi concede il bis servendo Vallocchia alla stessa maniera: il numero 21, però, perde l’attimo non calciando al volo col sinistro. Una frazione di gioco da applausi si conclude con un brivido: al 40’ un diagonale potente di Boscolo sfiora il palo alla destra di Aridità. La ripresa inizia con il cambio forzato Conson-Miceli e con un Mestre che sembra arrembante sulla trequarti rossoblù. Al 6’ Esposito spacca la difesa di Zironelli, ma viene fermato dall’uscita di Gagno; i padroni di casa si fanno vedere con un tiro ad effetto di Sottovia. Moriero cambia pelle alla sua Samb con gli ingressi di Damonte e Bove al posto di Vallocchia e Troianiello, ma con il passare dei minuti la maggior freschezza atletica dei mestrini viene fuori. Neto Pereira è pericoloso prima di essere sostituito, Beccaro colpisce una traversa su punizione, ma clamorosa è la chance sprecata da Bussi al 33’st: Sodinha scodella in area, torre di un compagno per il numero 20 arancionero, che dal limite dell’area piccola spara sopra la traversa. Nel momento di maggiore difficoltà, però, arriva il raddoppio ospite: ancora Miracoli, ancora di testa, stavolta l’assist è del neo entrato Valente. Il secondo successo di fila, però, la Samb se lo deve sudare fino fino in fondo: al 39’ Beccaro batte Aridità su rigore provocato da un fallo di Patti. Le proteste costano a Moriero l’allontanamento dal terreno di gioco, ma la Samb nel finale resiste e sfiora anche il 3-1 con Valente.

Condividi questo post: