Viva la Romagna! Samb-Ravenna, IL COMMENTO


Dopo il Santarcangelo la Samb fa bottino pieno tra andata e ritorno anche con il Ravenna, insomma con le romagnole si va alla grande e verrebbe voglia di intonare il noto adagio popolare “Evviva la Romagna, evviva il Sangiovese”. Di contro i rossoblu quest’anno, ripetendo quanto avvenuto nella scorsa stagione, dopo essere usciti indenni dal Druso di Bolzano non resteranno a bocca asciutta con nessuna squadra. Ecco quindi che contro la compagine più in forma dell’intera serie C, reduce da ben quattro successi consecutivi e che al Riviera ha confermato il suo stato di grazia (come d’altronde il suo bomber De Sena al decimo sigillo, addirittura il settimo nel girone di ritorno), Eziolino Capuano replica con lo stesso punteggio e la stessa sofferenza finale il successo del Benelli e conquista la terza vittoria casalinga consecutiva al Riviera, evento mai successo dal ritorno del sodalizio rossoblu tra i professionisti. La Samb torna a vincere in casa contro il Ravenna guarda caso nuovamente alla vigilia di Pasqua, come era avvenuto sempre in C nel 2007 con la premiata ditta Desideri-Morante che stese lo squadrone giallorosso di Pagliari, poi vincitore del campionato. Ancora una volta Conson e compagni sono andati di rimonta, una sorta di marchio di fabbrica della combattiva truppa di Capuano, ma stavolta è andata ancor meglio perché è arrivato per la prima volta anche il ribaltamento del risultato, difeso poi strenuamente grazie anche ai “miracoli” di Perina. Altra coincidenza è la vigilia pasquale di Capuano, che anche lo scorso anno in questa occasione a Modena ribaltò il risultato e a farne le spese fu proprio la Samb di Sanderra passata momentaneamente in vantaggio con Sorrentino. Come nelle precedenti partite il tecnico rossoblu ha cambiato in corso d’opera l’intera linea offensiva, oggi impreziosita dalle perle di Stanco e Bellomo, allungando così la striscia positiva a 6 gare, in cui è stato accumulato l’ottimo bottino di 14 punti. Le uniche note stonate sono state il gol iniziale (lo stesso errore su calcio piazzato a Bolzano era stato rimediato da una “paratona” di Perina su Sgarbi) e l’eccessivo arretramento nelle battute finali, aspetti sicuramente da rivedere e migliorare nell’immediato futuro. Intanto questa Pasqua da secondi è veramente bella e l’augurio agli sportivi rossoblu è di viverla splendidamente assieme alle loro famiglie.

Alessio Perotti

Condividi questo post: