Vis Pesaro-Samb, LE PAGELLE



VIS PESARO-SAMB FINISCE 2-1, LA CRONACA

MONTERO: «MI PRENDO LE MIE RESPONSABILITÀ»

FEDELI NON COMMENTA LA SCONFITTA DI PESARO

SANTURRO                                    5,5

Impegnato fin troppo spesso dalla Vis Pesaro, che prima sfonda con una deviazione ravvicinata di Grandolfo e poi con un diagonale preciso di Voltan. Marcature su cui le responsabilità del portiere di proprietà del Bologna non sono sicuramente le più grandi.

RAPISARDA                                    5,5

Il capitano sulla fascia destra si fa vedere sulla trequarti quando può, ma non riesce a tenere il passo degli avversari quando c’è da difendere la propria area di rigore.

MICELI                                            5,5

Troppo distante da Paoli (“battezzato” in fuorigioco) nell’azione che porta al gol di Grandolfo, non riesce quasi mai a prendere le misure all’esuberante coppia d’attacco vissina.

DI PASQUALE                                5

Giornata negativa per il difensore di Giulianova. Dopo un colpo di testa per liberare l’area non riesce a salire in tempo per mettere in fuorigioco Paoli nell’azione del primo vantaggio biancorosso, nella ripresa viene bucato da Voltan che poi fredda in diagonale Santurro.

GEMIGNANI                                  6

Dei quattro che compongono la linea difensiva è quello che dimostra di avere più gamba e che soffre meno le incursioni avversarie. Nella ripresa prova timidamente ad affacciarsi in zona cross.

GELONESE                                      5,5

Protagonista nell’azione che porta alla marcatura di Di Massimo, per il resto vede passare a doppia velocità Voltan e soci nel centrodestra.

ANGIULLI                                        6

È l’unico che tiene botta – o che almeno prova a farlo – a centrocampo. Non si tira indietro quando c’è da giocare il pallone, anche se fatica a contenere quando accelerano i ragazzacci di Pavan.


PIREDDA                                        5,5

Preferito al posto di Rocchi (unica modifica di Montero rispetto all’undici titolare contro la Triestina) annaspa in una mediana dove sono quasi sempre gli uomini di Pavan a condurre le operazioni.

ORLANDO                                      6

Tra i pochi a farsi vedere anche nella brutta mezzora iniziale, anche se perde più di un pallone velenoso in ripartenza. Con una bella giocata, però, arma Di Massimo per il gol dell’1-1. Uomo assist.

CERNIGOI                                       5

Per il numero 9 non arrivano chissà quanti palloni, ma lui non si fa notare quasi mai se non per un paio di conclusioni fuori misura. Prova insufficiente, ma (purtroppo) è in buona compagnia.

DI MASSIMO                                 6,5

Alla prima opportunità scaraventa in porta l’assist di Orlando e segna il primo gol stagionale. Da quel momento è più presente nella manovra e si rende pericoloso con giocate anche in funzione dei compagni, ma nella ripresa l’interruttore torna su “off”.

VOLPICELLI                                    5,5

In partita già da inizio secondo tempo, prova a dare la scossa ad un attacco sottotono con qualche accelerata, ma senza ottenere risultato.


FREDIANI                                       5,5

Subentra a Di Massimo, ma non incide nel quarto finale di partita.

BOVE                                               5,5

Inserito a metà ripresa come mezzala sinistra, ma non aggiunge nulla al posto di Piredda.

TRILLÒ                                            S.V.

Prende il posto di Gemignani quando mancano poco più di dieci minuti al triplice fischio.

PANAIOLI                                       S.V.

Al posto di Gelonese non ha modo di essere protagonista nei pochi minuti a sua disposizione.


Condividi questo post:
error