Vi presento il Ravenna: «Con la Samb se la giocherà, l’obiettivo può essere più della salvezza»


Una squadra in salute che cerca di dare continuità ai suoi risultati ora che con l’esclusione del Modena può pensare con meno assilli alla salvezza: ecco il Ravenna, che ci viene presentato dal corrispondente della Gazzetta dello Sport Sandro Camerani.

Un pareggio e una vittoria ottenuti negli ultimi giorni: il Ravenna arriva ad affrontare la Samb carico di fiducia.

«Il momento che sta vivendo la squadra è discreto: aver ottenuto quattro punti nelle ultime due trasferte. È stata interrotta la serie negativa, anche se già da qualche settimana si era visto qualche miglioramento. Certamente adesso con la Samb è più dura avere questa continuità di risultati rispetto a quando si è affrontato il Gubbio».

Un buon momento per una squadra che punta a mantenere la categoria, giusto?

«Si deve considerare che la promozione in Serie C è arrivata in maniera abbastanza inaspettata, quindi il mercato che è stato condotto in estate (e penso anche quello che ci sarà in inverno) è stato limitato alle possibilità economiche del club. L’unico obiettivo con cui è partito il Ravenna era salvarsi; chiaramente con l’esclusione del Modena le aspettative potrebbero cambiare un po’».

A livello tattico che squadra è quella ravennate?

«La stagione è iniziata con il 4-3-1-2 che è il modulo preferito da Antonioli, poi però si è passati al 3-5-2 perché si è dovuto dare più consistenza alla difesa».

Fino a qualche anno fa il club ha militato anche in Serie B, come è stata vissuta la discesa tra i dilettanti?

«Il fallimento è stato vissuto quasi come una liberazione, poi le tre promozioni che sono arrivate in cinque campionati hanno restituito entusiasmo all’ambiente».

Che partita sarà quella del Benelli?

«Certamente c’è un gap tecnico tra Ravenna e Samb, ma quella di Antonioli è una squadra che non rinuncia mai a giocare: non si prende rischi eccessivi, ma comunque fa la sua partita. Penso che anche con la Samb sarà così».

Daniele Bollettini

Condividi questo post: