Unione Rugby: percorso di inclusione sociale con il progetto “Rugby a 360 gradi”



L’Unione Rugby San Benedetto è orgogliosa di ricevere l’approvazione dell’Assessorato alle Politiche Sociali al progetto ‘Rugby a 360 Gradi’ – Percorsi di inclusione sociale e lavorativa a favore di soggetti disagiati’. Da sempre impegnata nel sostegno ai ragazzi con vari tipi di difficoltà, la società sambenedettese si pone come obiettivo di favorire i processi di inclusione sociale di ragazzi in situazione di disagio.

Il progetto mirerà, grazie anche all’impiego e all’impegno dei tecnici e degli atleti tesserati con l’associazione, a costruire percorsi integrati, in modo da accompagnare i ragazzi lungo un percorso teso a valorizzare le loro capacità di scelta ed azione, per consentire alle persone stesse di essere protagoniste, ed eventualmente modificare le proprie condizioni di vita.

I ragazzi partecipanti al progetto, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, provengono da situazioni di disagio e sono segnalati dalle Cooperative Sociali con le quali l’Unione Rugby collabora da diversi anni. Il risultato atteso è che i ragazzi, al termine dell’anno progettuale, riescano a continuare il loro percorso di inclusione sociale senza più necessitare dei sostegni assistenziali. Il progetto, infatti, mira a favorire il generale processo di affrancamento dei beneficiari attraverso l’attivazione di un percorso integrato Lavoro/Socialità per garantire durata all’esperienza di autonomia, sostenendo e rendendo indipendenti i ragazzi coinvolti.
L’Unione Rugby è diventata un punto di riferimento sul territorio per tutti i ragazzi che partono svantaggiati ma
che hanno bisogno solo di sostegno per crescere e trovare un percorso di vita gratificante.


Condividi questo post: