Un paese di meno di 3 mila abitanti in Serie D, storia e curiosità dell’Amiternina


Storia e curiosità sul prossimo avversario della Samb. Dopo la sconfitta interna con l’Agnonese sollevato dall’incarico l’allenatore Angelone: al suo posto Di Felice…

Nel 1972 nasce la società sportiva di Scoppito, piccolo paese di 2700 abitanti in provincia dell’Aquila. Nel giro di pochi anni la squadra gialloverde arriva in Prima Categoria e nel 1987 vince il campionato, approdando in Promozione. Nel 1990/91 si iscrive nel campionato di Eccellenza abruzzese. Nel '98 nasce la società polisportiva Amiternina Tornimparte, grazie alla fusione tra A.S. Tornimparte e la S.S. Scoppito; cambiano i colori sociali, infatti, si prende il giallo della S.S. Scoppito e il rosso dell’A.S. Tornimparte. Il campionato di Promozione è il principale teatro della squadra giallorossa, che nel 2002 cambia ancora denominazione in S.S. Amiternina e nel 2010/11 si aggiudica un posto in Eccellenza. La vittoria del campionato nella stagione successiva permette alla squadra di Scoppito di disputare per la prima volta nella sua storia la Serie D. L’imprenditore Antonio Paponetti è il presidente del consiglio di amministrazione della società abruzzese; dopo l'esonero di Vincenzino Angelone, l'allenatore della prima squadra è Candido Di Felice. Il campo sportivo comunale ospita le partite interne dell'Amiternina: capienza spettatori di 500 spettatori, terreno di gioco in erba sintetica. Il match di andata ha visto la Samb uscire vittoriosa dal Comunale di Scoppito per 3 – 1 grazie ai gol di Barone (rigore), Titone e Sabatino; in gol per i giallorossi Torbidone (rigore).

ADA

Condividi questo post: