Troppa Samb per il Gubbio: Miracoli e Di Massimo firmano il 2-0. LA CRONACA


GUBBIO-SAMB 0-2

MARCATORI: 15’pt Miracoli, 44’st Di Massimo

GUBBIO (3-5-2): Volpe; Paramatti, Burzigotti (25’st Ciccone), Piccinni; Pedrelli, Giacomarro, Sampietro (41’st Bergamini), Casiraghi (12’st De Silvestro), Kalombo; Libertazzi (12’st Jallow), Marchi. A disp. Costa, Lo Porto, Paolelli, Conti, Ricci, Cazzola, Fumanti, Manari. All. Cornacchini.

SAMB (4-3-3): Aridità; Rapisarda, Conson, Tomi, Patti; Gelonese (41’st Damonte), Bove (41’st Bacinovic), Vallocchia; Troianiello (10’st Di Massimo), Miracoli, Esposito (12’pt Valente). A disp. Pegorin, Ceka, Mattia, Miceli, Sorrentino, Di Pasquale, Candellori, Di Cecco. All. Moriero.

ARBITRO: Fiorini di Frosinone (Assante-Notarangelo).
AMMONITI: 41’pt Conson.
ANGOLI: 7-0.
RECUPERI: 2’-5’.
NOTE: Giornata bella e piuttosto calda. Terreno di gioco in buone condizioni. Padroni di casa in completo rossoblù, divisa grigia per la Samb. Spettatori: 1616, di cui più di 700 provenienti da San Benedetto; incasso di 13.257 euro.

GUBBIO-SAMB 0-2

MARCATORI: 15’pt Miracoli, 44’st Di Massimo

GUBBIO (3-5-2): Volpe; Paramatti, Burzigotti (25’st Ciccone), Piccinni; Pedrelli, Giacomarro, Sampietro (41’st Bergamini), Casiraghi (12’st De Silvestro), Kalombo; Libertazzi (12’st Jallow), Marchi. A disp. Costa, Lo Porto, Paolelli, Conti, Ricci, Cazzola, Fumanti, Manari. All. Cornacchini.

SAMB (4-3-3): Aridità; Rapisarda, Conson, Tomi, Patti; Gelonese (41’st Damonte), Bove (41’st Bacinovic), Vallocchia; Troianiello (10’st Di Massimo), Miracoli, Esposito (12’pt Valente). A disp. Pegorin, Ceka, Mattia, Miceli, Sorrentino, Di Pasquale, Candellori, Di Cecco. All. Moriero.

ARBITRO: Fiorini di Frosinone (Assante-Notarangelo).

Non inizia bene la gara per gli uomini di Moriero. Il tecnico leccese perde subito Esposito, toccato duro da Sampietro nei primi minuti. Il Gubbio prova, per dirlo in termini pugilistici, la guardia della Samb, ma alla prima occasione in assoluto, Volpe deve andare a raccogliere il cuoio dal fondo. Al quarto d’ora Bove serve sulla sinistra un buon pallone per Valente che prova un primo cross, respinto. Il secondo, firmato da Tomi, è quello buono: sfera a mezza altezza su cui arriva in anticipo su tutti Miracoli. La zampata mancina della punta genovese porta avanti la Samb. Azione fotocopia un minuto dopo, stavolta il colpo di testa è male indirizzato e si spegne di pochissimo sul fondo. La reazione dei padroni di casa è timida, la retroguardia guidata da Conson sembra non soffrire. Ospiti impegnati a far scoprire gli avversari concedendo molto possesso palla sfruttato poco prima della mezz’ora da Marchi che riceve in area e prova a mettere in mezzo, trovando l’opposizione della retroguardia avversaria. Cornacchini tenta un cambio di modulo per cercare di dare spinta ai suoi, si passa dal 3-5-2 al 4-4-2. Al 41’ il Gubbio beneficia di un calcio di punizione dal limite per l’atterramento di Libertazzi ad opera di Conson: il tiro di Pedrelli finisce altissimo. Quasi non rientra in campo la Samb. Nei primi dieci minuti il Gubbio è pericoloso, in particolare al 10’ quando, sugli sviluppi di un corner va Piccinni di testa con la sfera che supera di poco la traversa. La Samb non riesce ad alleggerire dietro subendo una pressione costante intorno all’area di rigore, un possesso sterile, ma potenzialmente pericoloso. Palla-gol clamorosa della 26’ con la Samb che riparte rapida in contropiede grazie a Di Massimo bravo a recuperare palla in mezzo e portarla vicino all’area. L’abruzzese alza la testa e serve, dalla parte opposta, Valente. L’accelerazione in area è ottima, meno la conclusione che finisce sul fondo, alla sinistra di Volpe. Momentaccio per il Gubbio: la Samb si rialza e alla mezz’ora decide di far correre i brividi agli avversari. Diverse avvisaglie portano alla conclusione pericolosissima di Di Massimo. squadre stanche e scoperte: contropiedi che si susseguono a pioggia. De Silvestro sfonda in mezzo e viene atterrato al limite dell’area: calcio di punizione. Va Pedrelli col mancino e il cross viene messo fuori. Al 40’ Valente scappa via in mezzo sorprendendo gli avversari, la botta del numero 19 bacia la traversa. E al 44’ c’è Di Massimo che mette la parola fine a Gubbio-Samb. L’ex Avezzano se ne va per vie centrali e scocca il destro che trafigge Volpe: 2 a 0. Rischio fotocopia qualche istante più tardi: DiMa7 scaglia un bolide che però si stampa sulla traversa. È l’ultima emozione prima che i tifosi della Samb vadano a godersi l’abbraccio dei loro tifosi: primo successo esterno e terza vittoria in tre partite (concluse). La Samb c’è.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: