Titone vuole rientrare per far festa. Occhio alla difesa: possono cambiare gli esterni


Verso la sfida di domenica pomeriggio. Il capocannoniere del campionato sembra aver smaltito l’infortunio alla caviglia. Dietro potrebbero trovar spazio Pettinelli e Montesi…

VIETATO SBAGLIARE – In più di una occasione Ottavio Palladini ha rimarcato il concetto che la squadra più forte è quella che sbaglia meno. Per questo, nella settimana che porterà al match contro la Jesina, ha tenuto altissima la tensione provando, a più riprese, diversi schemi difensivi su azione e su calcio piazzato. Tutto deve essere perfetto perché la Jesina non regalerà ai rossoblù neanche un millimetro. In difesa potrebbero tornare Tagliaferri (al posto di Flavioni) e Montesi (capace di assicurare maggior copertura rispetto a Pettinelli). Chi ci sarà quasi sicuramente è Mario Titone: l'attaccante si è allenato con la squadra disputando regolarmente la classica partitella del giovedì. La caviglia non sembra dargli più noie. Sicura anche la presenza di Alessandro Sabatino, che ha scontato il turno di squalifica per recidività in ammonizione.

OSTICA – È l'avversaria di questo turno. La Jesina di Bugari non passerà per San Benedetto senza cercare di imporsi rompendo le uova nel paniere rossoblù. Pierandrei, a margine della vittoria interna contro l'Amiternina, ha ammesso candidamente che, dovesse esserci l'occasione di fare lo sgambetto alla prima della classe «Ci metterei il piede». Bugari può contare su tutti gli effettivi per arrivare al Riviera al meglio e giocarsi la gara fino alla fine e non ricoprendo un ruolo da ospite ad una festa annunciata. I biancorossi possono ancora nutrire ambizioni di playoff avendo raggiunto la sesta posizione in coabitazione con il San Nicolò a 42, due sole lunghezze dalla Recanatese.

PROBABILE FORMAZIONE – Samb (4-3-3): Pegorin ('96); Montesi ('96), Conson, Salvatori, Flavioni ('97); Baldinini, Barone, Sabatino; Titone, Sorrentino ('95), Palumbo.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: