Tanti volti noti e super Gucci: Samb, questo Fano non è da sottovalutare


Dopo un avvio complicato il bomber si è preso la baracca sulle spalle portando tre punti importantissimi contro il Padova. A San Benedetto un avversario ostico ma non impossibile…

Sulla carta, ma solo lì, il compito della Samb sembra abbastanza agevole, specie dopo aver regolato quel carro armato chiamato Gubbio (a domicilio).

Sabato sbarcherà in Riviera il Fano di mister Giovanni Cusatis e lo farà con il coltello tra i denti alla disperata ricerca di punti da mettere in cascina per raggiungere il prima possibile una salvezza serena. Lo zoccolo duro granata si fonda sugli elementi che maggiormente hanno influito nella conquista del secondo posto dello scorso anno in Serie D: Camilloni, Torta, Favo, Sassaroli, Borrelli e Gucci. Quest’ultimo, nel mercato di riparazione dello scorso campionato, più volte avvicinato al sodalizio rossoblù. Il tecnico fanese predilige un modulo guardingo schierando spesso un 4-3-3, adattato, a seconda degli elementi a disposizione, ad un 4-3-1-2 con Borrelli a fare da guastatore dietro le punte. Lo score dei prossimi avversari della Samb non è dei più incoraggianti: 4 punti in 4 gare frutto di due sconfitte (Sudtirol e Santarcangelo), un pareggio contro l’Albinoleffe e una vittoria, nel turno infrasettimanale, contro il Padova, arrivata grazie a Gucci che, indossata la calzamaglia di Superman, ne ha messi dentro tre facendo girare la testa alla difesa avversaria. I granata sono coscienti che la vittoria contro il Padova potrebbe essere un fuoco di paglia, anche alla luce dei recenti sviluppi nel gioco della Samb: per non cadere nel precipizio devono tornare da San Benedetto con un risultato o, almeno, una prestazione convincente. Dalla sua, Palladini, sa di poter contare sull'apporto di tutti gli effettivi e di quell'uomo in più che è il tifo di casa, specie in un match sentito come quello in questione.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: