Tanti nervi, poche emozioni: Teramo-Samb 0-0, LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO


TERAMO-SAMB
LE FORMAZIONI
TERAMO (3-5-2): Calore; Sales, Speranza, Ventola; De Grazia, Amadio (47’pt Graziano), Ilari, Varas, Caidi; Barbuti, Tulli. Lewandowski, Pietrantonio, Altobelli, Paolucci, Foggia, Milillo, Soumarè, Diallo, Faggioli, Mancini, BacioTerracino. All. Asta.
SAMB: Aridità (8’pt Pegorin); Conson, Miceli, Patti; Rapisarda, Gelonese, Bacinovic, Bove, Tomi; Di Massimo, Miracoli. A disp. Pegorin, Ceka, Mattia, Esposito, Troianiello, Di Pasquale, Candellori, Valente, Vallocchia, Di Cecco. All. Capuano.
ARBITRO: D’Apice di Arezzo (Falco-Palermo).
ANGOLI: 1-3.
RECUPERI: 4’- .
NOTE: Temperatura prossima allo 0. Teramo in completo bianco, Samb con la classica tenuta rossoblù. Terreno di gioco sintetico.
Che la gara si sarebbe giocata sui nervi più che sul campo era ampiamente prevedibile, nonostante i due tecnici abbiano preparato le formazioni confezionando qualche sorpresa. Asta torna sul 3-5-2 scegliendo Tulli e Barbuti in attacco. Coesistono, invece, Armin Bacinovic e Gabriele Bove sulla mediana completata da Luca Gelonese; tandem d’attacco composto da Miracoli e Di Massimo. Come un fulmine a ciel sereno, dopo sette minuti di gioco, alza una mano Vincenzo Aridità. Il portiere rossoblù alza bandiera bianca, uno stiramento probabilmente. Dentro Fabio Pegorin che torna in campo dopo la partita di Coppa Italia a Caserta. Il freddo è pungente: cantano e ballano i tifosi mentre in campo, i supporters del diavolo, lanciano fumogeni. Le torce arrivano vicino alla rete di Calore che prende fuoco. Si gioca pochissimo: sembra serpeggiare la paura di sbagliare che insidia la voglia di vincere delle due squadre. La prima vera azione è di marca teramana che al 41’ sfiora con Barbuti, bravo ad impattare di testa un traversone di Ventola. Cinque minuti dopo sfiora il gol Di Massimo su affondo di Miracoli ma l’ex Pescara arriva con un secondo di ritardo e la difesa chiude. C’è spazio per un calcio d’angolo di Tomi prima del rientro negli spogliatoi che si risolve con un nulla di fatto.

Condividi questo post: