«Seconde squadre? La Serie C deve essere il campionato dei campanili»



Il progetto portato avanti dalla Lega Pro circa l’annessione di alcuni club “B”, sullo stile della federazione spagnola, non sembra decollare. L’unica ad aver aderito in questa prima, sperimentale, stagione è la Juve, che milita nel girone A ed è guidata dall’ex Mestre Zironelli. Il DS rossoblù Pietro Fusco dà la sua lettura:


«Le squadre B? Come tutte le cose è un problema di educazione calcistica e strutturale: non ce ne sono per ospitare questo genere di formazioni. Io sono per una Serie C di “campanilismo”. È bella così perché c’è uno scontro, chiaramente sportivo, tra città, in campo c’è l’ardore, la voglia di vincere, il sano sfottò. Vedere queste cose fredde non mi fa impazzire».

Condividi questo post: