Sorrentino evita la disfatta, ma che brutta Samb: con il Lumezzane finisce 1 a 1


SAMB-LUMEZZANE 1-1
MARCATORI: 32’pt Leonetti, 40’st Sorrentino.

LE FORMAZIONI
SAMB (4-3-3): Aridità; Rapisarda, Mori (1’st Di Pasquale), Mattia, Pezzotti; Sabatino, Bacinovic, Damonte; Di Massimo, Bernardo (26’st Sorrentino), Mancuso (40’pt Latorre). A disposizione: Pegorin, Radi, Di Filippo, Grillo, Lulli, N’Tow, Agodirin, Candellori, Vallocchia. Allenatore: Stefano Sanderra.
LUMEZZANE (4-4-2): Pasotti; Varas, Tagliani, Sorbo, Bonomo; Marra (39’st Oggiano), Arrigoni, Magnani, Bacio Terracino; Leonetti (30’st Gentile), Speziale (13’st Lella). A disposizione: Carboni, Bagatini Marotti, Quinto, Allegra, Rizzi, Russini, Padulano, Zappacosta, Sola. Allenatore: Mauro Bertoni.
ARBITRO: Meraviglia di Pistoia (Mariottini-Nuzzi).
AMMONITI: 19’pt Bacinovic, 28’st Di Pasquale.
ANGOLI: 7-3.
RECUPERI: 1’-3’.
NOTE: Giornata calda e soleggiata. Terreno di gioco in discrete condizioni. Samb in completo rossoblù, maglia bianca con innesti rossoblù per il Lumezzane.

Con la caduta al Riviera contro il Lumezzane di Bertoni ad un passo, l’attaccante romano salva il salvabile e permette ai suoi di aggiungere almeno un punto in classifica…

SAMB-LUMEZZANE 1-1
MARCATORI: 32’pt Leonetti, 40’st Sorrentino.

LE FORMAZIONI
SAMB (4-3-3): Aridità; Rapisarda, Mori (1’st Di Pasquale), Mattia, Pezzotti; Sabatino, Bacinovic, Damonte; Di Massimo, Bernardo (26’st Sorrentino), Mancuso (40’pt Latorre). A disposizione: Pegorin, Radi, Di Filippo, Grillo, Lulli, N’Tow, Agodirin, Candellori, Vallocchia. Allenatore: Stefano Sanderra.
LUMEZZANE (4-4-2): Pasotti; Varas, Tagliani, Sorbo, Bonomo; Marra (39’st Oggiano), Arrigoni, Magnani, Bacio Terracino; Leonetti (30’st Gentile), Speziale (13’st Lella). A disposizione: Carboni, Bagatini Marotti, Quinto, Allegra, Rizzi, Russini, Padulano, Zappacosta, Sola. Allenatore: Mauro Bertoni.
ARBITRO: Meraviglia di Pistoia (Mariottini-Nuzzi).
AMMONITI: 19’pt Bacinovic, 28’st Di Pasquale.
ANGOLI: 7-3.
RECUPERI: 1’-3’.
NOTE: Giornata calda e soleggiata. Terreno di gioco in discrete condizioni. Samb in completo rossoblù, maglia bianca con innesti rossoblù per il Lumezzane.

Aveva promesso cambiamenti nell’undici titolare e Sanderra ha mantenuto la parola data: in attacco fiato a Sorrentino per Bernardo. Il Lume si presenta con un lineare 4-4-2, corroborato dalla vittoria in terra anconetana pochi giorni fa. Il possesso dei rossoblù di casa, a cui il tecnico ha chiesto pazienza nella gestione del pallone, è importante tanto da portare Mancuso e soci a conquistare due angoli nel primo quarto d’ora con una costante presenza nella metà campo avversaria. È del Lumezzane, però, il primo guizzo pericoloso orchestrato ai danni di una scoperta difesa marchigiana: al 23’ Speziale riceve e cerca di involarsi nella zona di Rapisarda che gli si francobolla non permettendogli una conclusione serena e facilitando il compito di Aridità in uscita bassa. Il ritmo dei padroni di casa è molto basso, tanto da far sembrare il match un tipico incontro di fine stagione; gli ospiti cercano di approfittarne sfruttando gli inserimenti dagli esterni. E al 32’ arriva la frustata. Bonomo, come Sampei, sulla fascia di Rapisarda crossa e pesca Leonetti che batte Aridità sul palo lungo di testa. La Samb è nel pallone, il possesso è quasi nullo e sono tanti i passaggi sbagliati: Sanderra non sa a che santo affidarsi e prima manda a scaldarsi Vallocchia, poi butta in campo Latorre a freddo al posto di, sfortuna vuole, un infortunato Mancuso. Dal gol alla pausa è, senza dubbio, la peggior Samb mai vista che rientra negli spogliatoi sotto la bordata di fischi dei pochi intimi del Riviera. Più propositivi i rossoblù nella ripresa tanto che Sabatino si mangia un gol clamoroso al termine di un’azione insistita rifinita di tacco da Di Massimo. Poco più tardi ancora Sabatino si ritrova tra i piedi la sfera, assist stavolta di Latorre, ma la coordinazione del centrocampista non è buona e di nuovo il cuoio sorvola la traversa. Il Lume si limita ad aspettare approfittando di ogni pallone perso dai padroni di casa, e sono tanti, per cercare di insidiare Aridità. Anche la Nord si chiude nel silenzio. Una costante del match sono i cross di Pezzotti e Rapisarda, sui quali però gli avanti di hanno fin troppi problemi. Nel finale il clima si fa pesante, ma un timido raggio di sole squarcia le nuvole al 40’: Sorrentino riceve in area su sponda di Damonte, controlla di testa e infila di sinistro alle spalle di Pasotti. Un miraggio nel deserto di Samb-Lumezzane: novanta minuti inguardabili e una Samb che soffre un avversario impalpabile. Ridimensionate le ambizioni della squadra di Sanderra quasi mai pericolosa e incomprensibile dal punto di vista tattico.

Domenico del Zompo

Condividi questo post: