Sliding door per Bacinovic: a Teramo potrebbe essere l’ultima chiamata


Ha deluso  e non poco i tifosi della Samb. Ha deluso, e questo potrebbe incidere seriamente, anche il presidente Franco Fedeli. Armin Bacinovic potrebbe trovarsi davanti ad una sliding door già a Teramo. Sembra passata una vita dall’inzuccata del centrocampista sloveno che fece esplodere il settore ospiti del Bonolis.

Si parlò di “cura Sanderra” con lo sloveno ritrovato motore e mente della mediana rossoblù. Motore che, in questa stagione, ha tossito un po’ troppo: spesso lento e povero di idee nella costruzione del gioco si è ritrovato a consegnare le chiavi del centrocampo ad uno sbarbatello come Bove che, con grande personalità, si è preso la responsabilità di guidare la Samb al primo anno di professionismo. Cambia il dottore: Ezio Capuano, che già dalla sua presentazione, ha fatto capire di voler puntare forte sul centrocampista sloveno, “Uno degli interpreti migliori in questo ruolo”. Ed in effetti, già alla prima uscita col nuovo vestito cucito addosso, quel 3-4-3 che consentirebbe a Bacinovic di agire con maggior libertà palla al piede, ha trovato la via del (fortunoso) gol.

A Teramo potrebbe essere nuovamente schierato dal primo minuto, magari di nuovo con Gelonese vicino. Al Bonolis dovrà dare ragione a Capuano oppure, anche lui, rischia di finire nella lista dei partenti.

Condividi questo post: