Sanderra verso la sfida con il Bassano: «Non verranno certo qui a difendersi»


Il tecnico vuole blindare il Riviera: «Qui abbiamo lasciato troppi punti per strada, dobbiamo tornare a vincere anche sfruttando l’importante fattore del tifo di casa»…

La gara che aspetta la Samb domenica è delicata e Sanderra deve confermare il momento positivo dei suoi:
«Siamo alla ricerca della continuità e della crescita di squadra. Quello di domani è un test importante per valutare il grado di apprendimento della preparazione tattica che stiamo facendo. Se la gara va in un certo modo potrebbe pure indirizzare la stagione. La partita di domenica scorsa ci ha dato una grande iniezione di fiducia ma dobbiamo restare sempre umili perché spesso pecchiamo in questo nelle partite poi si rischia di fallire. Stiamo prendendo sempre più confidenza con diversi moduli e voglio che i giocatori interpretino al meglio i momenti del gioco alternandoli in campo. La forza di questa squadra sta anche nei giocatori meno impiegati, come Di Pasquale e Di Filippo che sono elementi che ho impiegato poco, ma per loro è fondamentale non perdere mai la concentrazione».
È importante valutare al meglio l'impiego dell'impostazione tattica dei rossoblù:
«Spero di vedere maggior maturità in campo. Il Bassano è un avversario importante che si trova in un momento difficile: con un inizio forte potremmo riuscire  a non far emergere la forza dei singoli, farà gioco anche a partire dalle retrovie, conosco il gioco di mister Bertotto e non verranno qui a difendersi».
C'è un Mancuso già promesso sposo del Pescara, ma il mister non ha paura che la testa del giocatore sia lontano dal terreno di gioco:
«Leonardo non ha bisogno di essere gestito, è un ragazzo intelligente e non mollerà fino alla fine».
Interpreti. In campo sarà fondamentale ordine e trame di gioco e dall'innesto di Bacinovic ad oggi le geometrie dei rossoblù sono nettamente migliorate:
«Bacinovic è un giocatore molto importante dal punto di vista dell’impostazione del gioco, ma lascia ancora qualcosa dal punto di vista fisico e in fase difensiva».
L'impegno dei rossoblù e l'impegno personale di Sanderra:
«Il futuro si ipoteca con il presente e questa squadra deve vivere questo momento al meglio. Io vivo giorno per giorno perché so che questo non è un lavoro a lungo termine quindi cerco sempre di dare il massimo per la squadra. È anche una missione sociale cioè preparare i ragazzi perché la domenica i tifosi si divertano. Fino ad ora al Riviera abbiamo lasciato troppi punti invece c’è un importante fattore, la tifoseria, e dobbiamo farlo valere».

 

Domenico del Zompo

Condividi questo post: