Samb, scade la messa in mora: senza stipendi i giocatori potranno anche svincolarsi



SAMB-CESENA 0-2, LA CRONACA

MONTERO: «I RAGAZZI HANNO DIMOSTRATO DI ESSERE UOMINI VERI»

Si sviluppa su più fronti la crisi societaria della Samb. Mentre va avanti l’iter che potrebbe portare al fallimento tecnico, nelle prossime ore potrebbero arrivare anche novità per la questione relativa ai debiti sportivi della società presieduta da Domenico Serafino. Scade oggi (lunedì, ndr), infatti, la messa in mora depositata dai giocatori per gli stipendi non pagati di novembre e dicembre 2020 e gennaio e febbraio 2021. Oltrepassato questo termine, restando la situazione di insolvenza, alcuni giocatori potrebbero anche decidere di liberarsi dai vincoli contrattuali. Anche grazie al supporto della tifoseria, però, il gruppo squadra (giocatori e staff) si sta compattando e sembra determinato ad andare avanti unito fino al termine della stagione. Tornando al caso stipendi, due sono state le scadenze non rispettate dalla Samb: quella del 16 febbraio per gli stipendi di fine 2020 e quella del 16 marzo per tutte le quattro mensilità sopracitate. Per la prima inadempienza sono già arrivati il deferimento per Serafino e per il club (per responsabilità diretta e oggettiva): la penalizzazione sarà di 2 punti. Nei prossimi giorni, però, potrebbero arrivare anche le sanzioni per la seconda scadenza non rispettata, quella del 16 marzo: in questo caso la penalizzazione dovrebbe essere di 4 punti.

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SAMB


Commenti
Condividi questo post: