Samb-Reggiana: Menichini vuole tornare alla vittoria, al Riviera si rivede Max Carlini


Le ultime da Reggio Emilia prima del match di domenica pomeriggio con la Samb: la Regia non deve perdere contatto dalle immediate inseguitrici del Venezia, al Riviera torna il frusinate…

L’incontro tra Samb e Reggiana di domani sarà un crocevia fondamentale per le due squadre. I rossoblù non devono perdere il treno playoff e tre punti, complice magari la caduta del Gubbio contro il Parma sarebbero fondamentali per avvicinare proprio i granata, attualmente lontani sette lunghezze in quinta posizione. Per la Reggiana sarà fondamentale uscire dal Riviera delle Palme con tre punti ed una prestazione positiva. La squadra di Menichini non deve perdere contatto con Pordenone, Parma e Padova (rispettivamente a +2, +5 e +7) tornando ad assaporare il dolce gusto della vittoria che manca da tre turni.

TUTTO CAMBIA – Ma tutto resta com’è. I granata hanno visto una mutazione quasi totale nel mercato di riparazione dove sono partiti alcuni gioielli che avevano consentito al team, guidato da Colucci, di toccare con mano la prima posizione ritagliandosi uno spazio più che invitante nella lotta per la conquista del girone B. Una involuzione, nel gioco (brillante seppur dispendioso) e nei risultati hanno portato Colucci a presentare le proprie dimissioni, verso la metà di novembre quando la situazione sembrava in una fase di stallo da un mesetto circa. Il tecnico, forse sotto una pressione importante dopo il bell’avvio di campionato, “paga” le due sconfitte consecutive contro Ancona e Venezia e viene sollevato dall’incarico. Subentra Menichini che si ritrova per le mani una squadra ridimensionata negli obiettivi e ferita nell’orgoglio, ma anche completamente rinnovata.

I NUOVI – Ghiringhelli, Contessa, Genevier, Martì Riverola e Carlini. Un mercato importante sia in entrata che in uscita (dove i granata hanno salutato pezzi pregati del valore di Mogos, Giron Maxine e Nolè). Menichini si è dato subito da fare includendo immediatamente i volti freschi nel suo progetto contribuendo così alla “rinascita” della Reggiana. Chi è arrivato a dicembre ha saputo inserirsi perfettamente negli automatismi della formazione granata che il tecnico fa giocare sia con una difesa  a quattro (4-4-2 o 4-2-3-1) che con una difesa a tre, come in occasione del pari rimediato la scorsa settimana contro il Mantova (3-5-2).

L’EX – San Benedetto-Frosinone e Frosinone-San Benedetto. Massimiliano Carlini, in rossoblù, ha passato una stagione nella Riviera delle Palme: quella del 2006/07.

Domenico del Zompo

Condividi questo post: