Samb-Reggiana, le pagelle: Bacinovic un gigante, in difesa ok la coppia Mori-Mattia


Dopo il successo del Riviera voti sopra la sufficienza per quasi tutta la squadra: Mancuso sempre superlativo, ma grandi passi in avanti anche per difesa e centrocampo…

ARIDITÀ 6,5

Contro un avversario dall’ottimo potenziale offensivo trascorre una delle domeniche più tranquille della sua stagione sambenedettese. Comunque ineccepibile ogni volta che viene chiamato in causa.

RAPISARDA 7

Caparbio su ogni contrasto, l’ex Lumezzane dimostra di poter dire la sua in entrambe le fasi di gioco sulla fascia destra: le sue sovrapposizioni sono importanti per alleggerire la marcatura su Mancuso.

MORI 7

Prima Cesarini e Carlini, poi Guidone e Marchi: Menichini li prova tutti i suoi attaccanti ma col difensore empolese non c’è modo di passare. Semplicemente insormontabile.

MATTIA 7

L’intesa con Mori si va perfezionando col passare delle giornate ed il giovane centrale dimostra anche buone doti quando deve far ripartire l’azione palla a terra. In crescita.

PEZZOTTI 6,5

Dei tanti cross che il capitano rossoblù indirizza verso l’area avversaria la gran parte termina o sul fondo o tra le braccia di Narduzzo; quando trova la testa di un compagno, però, arriva il gol di Damonte. Bene in fase difensiva.

DAMONTE 7

Il centrocampista toscano sta vivendo il miglior momento della stagione ed il primo ad esserne consapevole è lui stesso, come dimostrano le tante sortite in area emiliana. Il primo gol in maglia rossoblù è una conseguenza.

BACINOVIC 7,5

Tanto duro nei contrasti quanto elegante nelle giocate: lo sloveno è ago della bilancia a centrocampo con tackle vigorosi (ma corretti) ed aperture al velluto. Dai suoi piedi nasce la splendida azione del vantaggio.

LULLI 6,5

Prestazione positiva, nonostante talvolta si incaponisca un po’ nella giocata personale. Quando gioca il pallone con rapidità e precisione, invece, vengono fuori belle cose come l’apertura per Di Massimo in occasione dell’uno a zero.

MANCUSO 7

A descrivere le sue prestazioni ormai si corre il rischio di essere ridondanti: quando c’è da ripiegare fa il terzino aggiunto, poi in area è spietato come non mai: una splendida volée gli permette di sfondare il muro della doppia decina. Record-Man.

SORRENTINO 6,5

Con il suo pressing costante costringe spesso i difensori della Reggiana a giocate confuse e crea gli spazi giusti per l’inserimento dei compagni. Grimaldello prezioso nonostante lo scarso apporto in termine di reti. Ma c’è già chi la butta dentro.

DI MASSIMO 6

Si dà molto da fare sulla sinistra pur sprecando due colossali palle-gol servitegli da Mancuso. Si fa perdonare ricambiando il favore al compagno con l’assist per l’uno a zero al termine di una bella incursione dalla sinistra.

VALLOCCHIA 6,5

Quando si dice entrare in campo col piglio giusto: corre per due, fa vedere ottime giocate (delizioso il tacco che mette Candellori in condizione di calciare dai venti metri) e strappa gli applausi del pubblico.

BERNARDO S.V.

Nonostante i pochi minuti a disposizione la palla per scrivere il suo nome nel tabellino non manca, ma sull’ottimo assist di Mancuso (toh!) scivola e non centra lo specchio.

CANDELLORI S.V.

Prende il posto di un ottimo Bacinovic nei minuti finali ed appena entrato sfiora la marcatura con un sinistro potente che sfiora la traversa di Narduzzo.

Commenti
Condividi questo post: