Samb, fornitori non pagati: pronte a scattare le prime istanze di fallimento



Passano i giorni e non arrivano buone notizie per la Samb, con Domenico Serafino che non ha ancora provveduto al pagamento di giocatori, staff e fornitori. Come noto per le quattro mensilità al momento non saldate (novembre e dicembre 2020 e gennaio e febbraio 2021) la squadra ha depositato la messa in mora e ha dichiarato lo stato di agitazione; ad ora, però, queste mosse non hanno prodotto l’effetto sperato: i pagamenti. Nelle prossime ore, però, anche alcuni fornitori potrebbero muoversi nei confronti del club di viale dello Sport, presentando istanza di fallimento: è questo il caso, per esempio, della Arte Verde Giardini che ha effettuato i lavori di rifacimento e manutenzione del Samba Village di Monsampolo del Tronto, per un ammontare superiore ai 40mila euro. «Domani verificheremo se sono arrivati i pagamenti e, appena i termini legali ce lo permetteranno, procederemo con l’istanza di fallimento» ha detto al Resto del Carlino il titolare Eliano D’Angelo. Nel frattempo i giorni passano, e salvare la Samb appare un’impresa sempre più difficile.

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SAMB


Commenti
Condividi questo post: