Samb, che delusione: il Padova passa 1-0 al Riviera. LA CRONACA


SAMB-PADOVA 0-1

MARCATORE: 35’st Cappelletti

SAMB (4-3-3): Aridità; Mattia, Conson, Patti, Tomi; Gelonese (39’st Troianiello), Bove, Vallocchia; Di Massimo (7’st Valente), Miracoli (39’st Sorrentino), Esposito (39’st Bacinovic). A disp. Pegorin, Ceka, Miceli, Di Pasquale, Rapisarda, Candellori, Di Cecco, Damonte. All. Moriero.

PADOVA (4-3-1-2): Bindi; Madonna, Trevisan, Cappelletti, Contessa; Pulzetti (46’st Russo), Pinzi, Mandorlini (21’st De Risio); Belingheri (11’st Candido); Guidone (46’st Serena), Capello (11’st Chinellato). A disp. Burigana, Serena, Zambataro, Russo, Ravanelli, Marcandella, Merelli, Cisco, Zivkov. All. Bisoli.

ARBITRO: Massimi di Termoli (Guglielmi-Colizzi).

AMMONITI: 21’pt Tomi, 29’pt Cappelletti, 8’st Pinzi.

ANGOLI: 5-4.

RECUPERI: 1’-3’.

NOTE: Cielo coperto, temperatura gradevole. Terreno di gioco in discrete condizioni. Samb in completo rossoblù, Padova in divisa bianca con innesti rossi.

SAMB-PADOVA 0-1

MARCATORE: 35’st Cappelletti

SAMB (4-3-3): Aridità; Mattia, Conson, Patti, Tomi; Gelonese (39’st Troianiello), Bove, Vallocchia; Di Massimo (7’st Valente), Miracoli (39’st Sorrentino), Esposito (39’st Bacinovic). A disp. Pegorin, Ceka, Miceli, Di Pasquale, Rapisarda, Candellori, Di Cecco, Damonte. All. Moriero.

PADOVA (4-3-1-2): Bindi; Madonna, Trevisan, Cappelletti, Contessa; Pulzetti (46’st Russo), Pinzi, Mandorlini (21’st De Risio); Belingheri (11’st Candido); Guidone (46’st Serena), Capello (11’st Chinellato). A disp. Burigana, Serena, Zambataro, Russo, Ravanelli, Marcandella, Merelli, Cisco, Zivkov. All. Bisoli.

ARBITRO: Massimi di Termoli (Guglielmi-Colizzi).

I primi venti minuti di Samb-Padova contano una serie di errori in fase di costruzione del gioco da mani nei capelli. Ci sarà pure la sfortuna in una serie di giocate che proprio non vogliono riuscire. Le azioni biancoscudate sono, al contrario, più ordinate seppur dispensate col contagocce. Aridità viene chiamato in causa su un paio di tiri, ma niente di rilevante. C’è clamore intorno ad un cambio di gioco effettuato da Bove. La sfera arriva sui piedi di Mattia che punta il fondo e mette in mezzo un bel rasoterra per Di Massimo, conclusione rimpallata. Al 23’ Miracoli non riesce ad approfittare di un errore clamoroso di Bindi che cicca il rilancio: l’attaccante arriva tardi sul pallone vagante e il tiro viene respinto di piede dall’estremo difensore. Strappo di Esposito che al 33’ ruba palla sulla propria trequarti lanciando il contropiede rossoblù. Lo seguono Miracoli e Di Massimo ma il fantasista molisano vuole fare tutto da solo. La botta dal limite finisce altissima sulla traversa. Al 37’ la pioggia inizia a cadere copiosa sul terreno di gioco. Appena un minuto dopo prova un traversone: la traiettoria inganna tutti sorprendendo anche Bindi, costretto alla deviazione. Brividi per la Samb al rientro in campo. Madonna, dalla destra, pesca con un chirurgico cross Guidone che prova ad incornare. Pregevole conclusione che Aridità alza in angolo. Ottimo scambio sulla trequarti tra Miracoli e Valente che viene fermato fallosamente da Pinzi. Tomi si incarica della battuta e costringe Bindi agli straordinari. Insistono i rossoblù stavolta con Vallocchia che serve Esposito, la botta destra dell’esterno chiama alla risposta il portiere ospite. C’è più ordine tra i padroni di casa che ora si fanno ben volentieri sospingere dal tifo del Riviera sotto una continua e costante pioggia. Di suo il Padova ci prova con qualche ripartenza, troppo poco per preoccupare la difesa gestita da Conson e Patti. Alla mezz’ora Valente approfitta di un rilancio sbagliato per provare una conclusione che finisce alta sopra la traversa. Nefasto calcio d’angolo al 34’: Padova riversato in area Samb, la sfera cade precisa sulla testa di Cappelletti che batte Aridità. Moriero corre ai ripari: dentro Troianiello, Bacinovic e Sorrentino. Tripla che serve a poco. Nonostante il recupero la Samb se ne torna a casa con le pive nel sacco. Seconda sconfitta di fila stavolta rimediata contro una squadra organizzata, ma assolutamente al livello dei ragazzi di Moriero. Troppo leggeri i padroni di casa negli ultimi metri. Scarseggiano le occasioni, ancor di più le conclusioni e alla fine arriva lo sprono della Curva Nord: così proprio non va.

Domenico Del Zompo

Commenti
Condividi questo post: