Raparo al servizio della Samb: «Qui farei anche il terzino»


Il neo acquisto si presenta dopo la trattativa luci e ombre che l’ha portato a San Benedetto. Laconico il commento di Andrea Fedeli «La contropartita? Una grande manifestazione di affetto, molto grande»…

LIETO FINE – «Ho avuto diverse richieste, ma rifiutare questa piazza era impossibile anche perché una settimana prima del primo contatto con la società avevo giocato qui e sono uscito dal campo con i brividi. – Per Raparo si tratta della prima big in carriera – Da San Benedetto son venuti fuori tanti giocatori, spero sia il mio trampolino di lancio: passare per certe piazze vuol dire, per un calciatore, solo avere la possibilità di aumentare il proprio valore. – Nella Samb in punta di piedi – Sono qui per dare una mano alla squadra, non mi spaventa la concorrenza, anzi, ho davanti giocatori da cui posso solo imparare. A centrocampo sono il più giovane tra gli over. Non ho una posizione preferita, mi adatto a coprire tutti i ruoli in mezzo. L'unico posto dove non mi piace stare è la panchina. Qui sono disposto anche a fare il terzino, dove il mister mi collocherà cercherò di fare del mio meglio. – La lunga strada verso San Benedetto – È stata una trattativa dura, ho avuto paura che non andasse in porto, ma in più di una occasione ho sentito il presidente Fedeli e mi ha sempre garantito che mi avrebbe portato qui ad ogni costo. Con la Folgore sono stato chiaro fin dal primo giorno, volevo venire qui. – Uno sguardo ai prossimi impegni – Gli avversari che affrontiamo non si risparmiano mai, credo che vincere aiuti a vincere. Adesso la Samb è prima ed il gruppo ha già dimostrato di essere un gruppo solido.»

I RETROSCENAAndrea Fedeli non si sbottona circa l'effettiva portata della contropartita data alla Folgore, liquida la questione con «Una grande manifestazione di affetto, di grande affetto.». Gli fa eco Daniele Diomede, Team manager «Entrambe le parti, Samb e atleta, volevano portare a termine la trattativa, ma credo che con l'attuale dirigenza della Folgore, sarà il primo e l'ultimo calciatore trattato. Ci sono stati ripensamenti nell'arco di 24/48 ore, troppo repentini nonostante accordi chiari in precedenza. La Samb è una società seria e per noi è già vincolante una stretta di mano».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: