Porto d’Ascoli-S.N. Notaresco 1-1, Napolano su rigore per un punto pesantissimo


PORTO D’ASCOLI-S.N. NOTARESCO 1-1
MARCATORI: 30’st Maio, 42’st (rigore) Napolano.
PORTO D’ASCOLI: Testa, Petrini, Pasqualini, Passalacqua, Verdesi (36’st Nociaro), Rossi, Napolano, Battista, Petricci (31’st Battisti), Aliffi, Evangelisti. A disp. Finori, Massi, Cinaglia, Clerici, Monachesi, Pietropaolo, Sabatini. All. Ciampelli.
S.N. NOTARESCO: Shiba, Bruno, Speranza, Marchionni (14’st Pampano), Pesce (38’st Massarotti), Maio, Valenti, Blando, Sorrini, Marcattili, Gallo. A disp. Mariani, Bellardinelli, Colombatti, Bana, Massetti, Gassama, Magliulo. All. Epifani.
ARBITRO: Garofalo di Torre del Greco (Salvatori-Fabrizi).
AMMONITI: Pesce, Maio.
ANGOLI: 6-5.
RECUPERI: 0’-3’.

Il Porto d’Ascoli acciuffa il pareggio negli ultimi minuti contro il Notaresco grazie ad un rigore trasformato da Napolano che tocca quota quattro in campionato. Per gli uomini di Ciampelli è un risultato che vale oro visto che giocavano contro una delle formazioni accreditate alla vittoria finale e soprattutto consente di mantenersi al terzo posto in graduatoria, seppur in coabitazione con altre quattro squadre con 10 punti. Ciampelli, oltre allo squalificato D’Alessandro, deve rinunciare agli infortunati Sensi e Shiba lanciando dal primo minuto Aliffi. Per il resto formazione tipo con il solito 4-3-3. La cronaca parte al 17’ con un tentativo di Valenti che non crea grattacapi a Testa. Al 21’ è Napolano che ci prova su punizione senza fortuna. Prima del duplice fischio finale Valenti ci prova dalla bandierina con Testa che con un balzo evita un gol certo.

Nella ripresa, al quarto, va al tiro Rossi ma Shiba è reattivo e sventa la minaccia. A 6’ Blando recupera palla su Napolano servendo Valenti che, superati due uomini, calcia ma la palla termina alta. Al 25’ lo scatenato Valenti ci prova ancora ma il pallone, smorzato da un avversario, termina docile tra le braccia di Testa. Alla mezzora il risultato si sblocca: sono gli abruzzesi a portarsi in vantaggio con una splendida pennellata di Maio che su punizione non lascia scampo a Testa insaccandosi sotto alla traversa. Per il numero nove è la centesima rete in carriera. Il Porto d’Ascoli, però, non demorde e al 42’ trova il gol del pareggio: è capitan Giordano Napolano a trasformare un calcio di rigore concesso per un fallo in area. Sulla conclusione dagli undici metri Shiba intuisce la traiettoria ma il pallone è troppo angolato per essere respinto.

Fonte foto: pagina Facebook Porto d’Ascoli Calcio – Peppino Troiani

Commenti