Porto d’Ascoli, capitan Leopardi: «Lavorare duramente dimenticando lo scorso campionato»


Il Porto d’Ascoli ha dovuto lasciare il passo al San Marco Lorese all’esordio in campionato, al ‘Ciarrocchi’ , una gara caratterizzata da tanti errori. Capitan Fabio Leopardi non cerca scuse: «Anche quest’anno siamo noi che facciamo il bello ed il cattivo tempo. La sconfitta contro il San Marco Servigliano Lorese è dovuta a tutte nostre disattenzioni difensive. Dobbiamo lavorare duramente. La squadra è cambiata rispetto all’anno scorso. Questo è un altro campionato e dobbiamo dimenticare quello passato. Come ripeto l’unica soluzione è quella del lavoro».

Le assenze contro gli uomini di Amadio hanno comportato un cambio di modulo, può avervi creato difficoltà anche questo?

«Alla fine il pallino del gioco lo abbiamo avuto sempre noi e ci siamo trovati abbastanza bene anche con questo sistema di gioco. Non credo che sia un problema di modulo ma soltanto di noi giocatori che abbiamo fatto degli sbagli».

La seconda giornata gli uomini di mister Sante Alfonsi saranno di scena nella dura trasferta contro il Tolentino che a Grottammare ha dimostrato di puntare in alto. In dubbio la presenza di Cappelli, uscito malconcio nella gara d’esordio, e quella di Gaeta che soffre ancora di guai muscolari.


Condividi questo post: