Porto d’Ascoli, Rosa regala una rimonta da play off


COLBORDOLO – PORTO D'ASCOLI    1 – 2

MARCATORI: 2'pt Carsetti, 25'pt 10'st Rosa.

 

LE FORMAZIONI

COLBORDOLO: Cappuccini, Zandri, Ferrini; Paoli Edoardo (20'st Feduzzi), Marini, Virgili; Calvaresi, Nobili Giacomo, Carsetti (37'pt Muratori), Paoli Thomas, Vegliò. A disposizione: Bacciaglia, Cocchi, Muratori, Feduzzi, Arduini, Liera. Allenatore: Pierangelo Fulgini.

PORTO D'ASCOLI: Capriotti, Grossetti (40'st Donzelli), Tommasi; Gabrielli, Ciotti, Sensi; Leopardi, Tedeschi, Rosa (30'st Cingolani), Bolzan (27'st Nepa), Viti. A disposizione: Cinaglia, Ursini, Donzelli, Cappelli, Romagnoli, Cingolani, Nepa. Allenatore: Stefano Filippini.

ARBITRO: Gagliardini di Macerata.

In casa dell’Atletico Gallo Colbordolo i biancazzurri vanno subito sotto nel primo tempo, ma riescono ad imporsi 2-1 grazie ad una doppietta dell’attaccante. Quarto posto difeso…

Grande vittoria del Porto d'Ascoli che espugna il campo di Gallo di Petriano con una doppietta di Alessio Rosa sempre più leader dell'attacco biancoceleste. Un successo che profuma molto di playoff visto che rivieraschi occupano ora la quarta posizione a -3 dal Tolentino, terzo. La gara in terra pesarese si mette subito male per gli uomini di Filippini che dopo soli due minuti passano in svantaggio: Carsetti tira, Capriotti è impacciato nella parata e la palla rotola in rete. Il gol subìto a freddo non scompone l'undici rivierasco che perviene al pareggio al 25'. Dagli sviluppi di un corner Tedeschi rimette la palla in area dove, come un falco, Rosa è pronto al tapin vincente. Nella ripresa, al 10', il gol decisivo. Capitan Leopardi galoppa lungo l'out destro, entra in area e scodella un pallonetto delizioso per l’accorrente Rosa che in diagonale, di destro, batte per la seconda volta Cappuccini infilando il 13esimo centro stagionale. Gli uomini di Fulgini non ci stanno a lasciare sul campo l'intera posta in palio e vanno vicini al pareggio al 29' quando Calvaresi tira dalla lunga distanza cogliendo un palo clamoroso.

Enrico Tassotti

Condividi questo post: