Palladini senza mezze misure: «Non pensiamo a Matelica-Fano. A Chieti per vincere»


Il tecnico sambenedettese glissa sul match che vede contrapposte le due inseguitrici e ribadisce che quella con i neroverdi sarà una gara complicata. Intanto si aspetta la firma di Raparo, importante per dare peso ad un centrocampo orfano di Barone…

CAMPIONI D'INVERNO – «È un risultato che ci rende felici, è chiaro, e non di meno da entusiasmo. Io continuerò a ripeterlo fino alla fine: dobbiamo restare con i piedi per terra e lavorare perché nessuna partita è semplice, tocca a noi renderci facile la vita. Quando sono arrivato la squadra era prima in classifica e lo scopo era restare lì. Ci siamo riusciti, ma non dobbiamo sbagliare mai.»

TRASFERTA TEATINA – Con l'incognita del campo da gioco, già in condizioni pessime ed ora appesantito dalle piogge e dalla gara infrasettimanale contro la Folgore Veregra, la Samb affronterà i neroverdi di mister Ronci con l'obiettivo vittoria: «Arriva una gara difficile perché il Chieti è una squadra costruita per fare bene, anche se ora sta attraversando un momento no. Del risultato tra Fano e Matelica ci interessa relativamente, dobbiamo pensare a noi e ad uscire dall'Angelini con tre punti in tasca»

DUTTILITÀ TATTICA – «Baldinini e Raparo sono giocatori importanti, il primo è adattabile sugli esterni del centrocampo, mentre Raparo è bravo a giocare sia in un centrocampo a due che a tre, questo ci da grande elasticità nella scelta del modulo. Sorrentino davanti si sta dimostrando affidabile, quindi si può optare anche per una mediana over. A Titone spetta dover trovare spazi tra le maglie delle difese avversarie, non sarà sempre facile. L'ho visto fare molto bene sia da esterno sia da seconda punta».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: