Palladini pensa solo al presente: «Prima la Lega Pro, poi ci siederemo io e il presidente»


In vista del match contro l’Amiternina il tecnico della Samb vuole evitare di ripetere gli errori commessi contro l’Isernia: «Abbiamo creato tanto senza concretizzare»…

Dell'andamento generale della squadra non ci si può certo lamentare. Con Ottavio Palladini i rossoblù hanno sempre raccolto punti in ogni occasione mettendo al ghiaccio la prima posizione e creando il vuoto dietro. Pungolato nel vivo non si sbottona sul suo futuro: «Prima chiudiamo questo campionato poi ci siederemo col presidente a discutere di ciò che sarà».

IL RITORNO IN CAMPO – Una settimana senza campionato: si scioglie la tensione e si tira il fiato nello spogliatoio rossoblù, ma Palladini, riguardo lo stop, è contento a metà. «La pausa è stata importante per recuperare energie e calciatori: Barone ha tirato la carretta dall'inizio della stagione e stava accusando un po' di fatica, Palumbo ha smaltito l'infortunio ed è tornato a lavorare in gruppo. Per Casavecchia c'è da ancora da pazientare, forse riprenderà ad allenarsi dopo Pasqua. – Se da un lato sorride dall'altro lascia trasparire la preoccupazione per un eventuale calo di tensione – L'unico neo è che va ad interrompere la striscia positiva di gare che stavamo affrontando».

PROSSIMO AVVERSARIO – «Dobbiamo prepararci bene per questa delicata gara. Quando si affrontano squadre di bassa classifica si rischia sempre di avere un calo di concentrazione. Dovremo impegnarci a fondo per tutti i novanta minuti. L'Amiternina non vuole perdere e ha cambiato allenatore di recente, scenderanno in campo con un atteggiamento diverso e noi abbiamo l'obbligo di vincere e convincere. Con Angelone c'era un gioco capace di mettere molto in difficoltà le avversarie. Ricordo che all'andata, per noi, non è stato facile e anche il Campobasso, pur vincendo, ha sofferto. C'è bisogno di maggior cinismo e cattiveria sotto porta: contro l'Isernia abbiamo giocato bene e creato tantissime occasioni da gol, senza trovare la rete. Dovremo avere il sangue agli occhi e non sprecare niente.

IL FUTURO – «Non ho ricevuto nessuna proposta – scherza Palladini, che poi ammette di non avere ancora progetti per il futuro – Innanzitutto devo ringraziare la società per l'occasione che mi ha concesso, ma ora il mio pensiero è esclusivamente rivolto a vincere il campionato il prima possibile. Quando arriverà la promozione si discuterà del futuro e se si andrà avanti insieme o meno: non dipende solo da me… Adesso i pensieri sono altri e il primo è vincere contro l'Amiternina domenica».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: