Palladini dopo il Monticelli: «Errori e confusione. Col presidente nessun problema»


Il tecnico sambenedettese torna sulla trasferta al Del Duca analizzando il futuro dei rossoblù: «Col Fano non dobbiamo farci prendere dall’ansia. Se qualcuno avrà bisogno di riposare troveremo delle soluzioni»…

L'allenatore rossoblù non è contento della prestazione della sua Samb contro il Monticelli. Domenica c'è il Fano, una squadra costruita per vincere: «Dobbiamo regalare il meno possibile, soprattutto non far influenzare la nostra prestazione dalla foga di vincere, ottenendo l'effetto contrario».

AL DEL DUCA – «In tanti se la prendono con Montesi per il gol del pareggio, ma in realtà c'è un concorso di colpa. – Spiega Ottavio Palladini – Il portiere poteva chiamarlo o il centrale aiutarlo. Anche sul calcio d'angolo abbiamo commesso diversi errori in fase di marcatura. Si getta la croce addosso ad alcuni ragazzi come Raparo o Montesi, ma se analizziamo la gara vediamo che in tanti hanno sbagliato. A Raparo capita perché vuole dimostrare il suo valore, per farlo spesso commette errori evidenti, gli succede anche per un eccesso di generosità. – L'analisi della partita vede due diverse Samb in campo – Il primo tempo è stato giocato bene, il Monticelli non ha avuto occasioni da gol. Abbiamo trovato il gol con fatica, poi ci siamo distratti e abbiamo regalato il pareggio immediato. Nella ripresa si è sbagliato tanto perché ognuno cercava la soluzione personale, siamo andati in confusione dando fiducia al Monticelli. Si è sprecato troppo e giocato con frenesia. – Tornasse indietro, comunque, confermerebbe ogni scelta – Non cambierei nulla nella formazione di  domenica. Abbiamo fatto il possibile giocando anche per venti minuti con quattro punte. Fioretti è stato servito poco e male, chi è entrato non ha avuto modo di dare il proprio apporto. In questo campionato le difficoltà sono dettate anche dal regolamento sugli under, prima di fare una sostituzione bisogna ragionarla molto. Non sottovaluterei neanche il fattore psicologico, basti pensare che siamo arrivati in ritardo al campo perchè ci dicevano che non c'erano ancora le condizioni di sicurezza per entrare. – Fedeli era molto amareggiato dall'esito della gara – A caldo sono cose si dicono, penso che la sua stima nei miei confronti non sia variata. Ha sempre rispettato i ruoli lasciandomi libero di fare le mie scelte».

LA RIPRESA DEI LAVORI – «Dobbiamo vivere alla giornata, partita dopo partita. Giovedì vedremo la registrazione e farò capire che, quanto fatto, non va assolutamente bene. Lavoreremo con intensità sulle azioni di palla inattiva perché continuiamo a prendere gol da calcio piazzato. Con lo staff valuteremo lo stato fisico dei ragazzi per vedere chi ha maggior bisogno di tirare il fiato».

CONTRO IL FANO – «Affrontiamo l'attacco più forte, parlando di qualità e nomi. Non dobbiamo commettere errori e non farci prendere dall'ansia. Siamo coscienti di avere tutto da perdere in una gara come questa, ma deve essere affrontata al meglio. Non so se ci saranno variazioni nel modulo o nella formazione, se qualcuno avrà bisogno di riposare, in ogni caso, cercheremo una soluzione».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: