Non basta Barone: a Montegranaro è soltanto 1-1


FOLGORE VEREGRA – SAMB   1 – 1

MARCATORI: 36'pt Barone (rigore), 36'st Padovani.

 

LE FORMAZIONI

SAMB (4-3-3): Pegorin ('96); Pettinelli ('97), Conson, Salvatori, Flavioni ('97) [41'st Fioretti]; Baldinini, Barone [37' Forgione], Raparo; Pezzotti, Sorrentino ('95), Palumbo [32'st Candellori ('96)]. A disposizione: Mazzoleni, Tagliaferri, Carminucci, Montesi, Gavoci, Vallocchia. Allenatore: Ottavio Palladini

FOLGORE VEREGRA (4-3-3): Marani ('95); Radchenko ('96), Arcolai, Fuschi, Cardinali; Gentile ('97), Traini, Rinaldi; Nazziconi ('96) [46'st Tomassini ('97)], Pedalino, Padovani [43'st Gasparotto]. A disposizione: Osso, Giallonardo, Sako, Mandorlini, Piscitelli, Ciko, Sbarbati. Allenatore: Fabrizio Grilli.

ARBITRO: Gianpiero Miele di Nola (Fine-Piedipalumbo).

AMMONITI: 28'pt Barone, 32' Traini, 38'pt Fuschi, 24'st Arcolai.

ANGOLI: 6 – 4.

RECUPERI: 0' – 4'.

NOTE: Temperatura mite e cielo coperto. Classica divisa rossoblù per la Samb, completo giallo per i padroni di casa.

In casa della Folgore Veregra la Samb passa in vantaggio con un rigore del centrocampista, ma viene ripresa dall’ex Padovani. Festa promozione rimandata a domenica prossima…

FOLGORE VEREGRA – SAMB   1 – 1

MARCATORI: 36'pt Barone (rigore), 36'st Padovani.

SAMB (4-3-3): Pegorin ('96); Pettinelli ('97), Conson, Salvatori, Flavioni ('97) [41'st Fioretti]; Baldinini, Barone [37' Forgione], Raparo; Pezzotti, Sorrentino ('95), Palumbo [32'st Candellori ('96)]. A disposizione: Mazzoleni, Tagliaferri, Carminucci, Montesi, Gavoci, Vallocchia. Allenatore: Ottavio Palladini

FOLGORE VEREGRA (4-3-3): Marani ('95); Radchenko ('96), Arcolai, Fuschi, Cardinali; Gentile ('97), Traini, Rinaldi; Nazziconi ('96) [46'st Tomassini ('97)], Pedalino, Padovani [43'st Gasparotto]. A disposizione: Osso, Giallonardo, Sako, Mandorlini, Piscitelli, Ciko, Sbarbati. Allenatore: Fabrizio Grilli.

Noia. Per riassumere la gara tra Folgore Veregra e Samb basta una parola. Nell'1-1 finale, vantaggio di Barone nel primo tempo e pareggio di Padovani nel secondo, c'è poco di quello che è la Samb o di quello che, quantomeno, ha dimostrato in questa stagione.

Moduli speculari in campo, opposte le ambizioni delle squadre: Samb per chiudere il discorso Lega Pro, Folgore per salvare il salvabile, ma che nel 2016 non ha mai vinto. Lunga fase di studio all'avvio della gara, squadre contratte e tensione palpabile vista la posta in palio. A rompere gli indugi è Gigi Palumbo che impatta di testa il traversone di Pettinelli, Marani blocca. Poco altro fino al 23' quando Pezzotti si incarica di un calcio dalla bandierina: cross teso e testa di Raparo col pallone che termina sul fondo. Mettono il naso fuori dall'acqua i padroni di casa che provano a mettere in difficoltà la Samb con un calcio di punizione dalla fascia destra, il cross viene deviato da Conson in angolo. Al 33' Padovani trova il possesso palla sulla fascia sinistra e tenta di entrare in area, l'appoggio è per l'accorrente Gentile che viene anticipato da Conson, bravo a deviare in angolo. Dal corner arriva il tentativo più pericoloso dei padroni di casa che ci provano con Fuschi, Barone salva sulla linea di porta. Al 36' la Samb trova il calcio di rigore: sugli sviluppi di un corner viene atterrato Sorrentino, dopo la trattenuta di Fuschi. Barone dal dischetto è implacabile, Marani a sinistra e palla a destra. Tranne qualche sussulto, i ritmi sono molto bassi e la prima frazione si trascina noiosamente verso la conclusione con i rossoblù in vantaggio. Il secondo tempo segue il canovaccio dei primi quarantacinque minuti, a fare gioco è la Samb che tenta di abbassare i ritmi per intimorire gli avversari con rapide ripartenze, in più di una occasione affidate agli esterni Pezzotti e Palumbo. Al 21' Sorrentino apre bene per Pezzotti che con il destro porta avanti la sfera entrando in area, tenta la conclusione che viene rimpallata in angolo. Dopo mezz'ora di gioco sono veramente poche le notizie da riportare: i padroni di casa stanno subendo passivamente il possesso palla, sterile, della Samb. Conseguenza è che Pegorin da una parte e Marani dall'altra non hanno ancora toccato un pallone dal rientro in campo. Al primo errore, però, la difesa della Samb viene perforata. Flavioni non riesce a spazzare la sfera dopo un contrasto con un avversario, è bravo e lesto Padovani che approfitta del buco per entrare in area e, solo davanti a Pegorin, batterlo mettendo a segno, al 36', il gol del pareggio. Alzano i ritmi gli uomini di Palladini e ottengono un calcio d'angolo al 37': Pezzotti mette in mezzo per Salvatori, il cuoio sorvola la traversa. Tarda ad arrivare la reazione dei rossoblù che, con l'ingresso di Fioretti, riescono ad avere maggior peso in attacco: al 42' traversone rasoterra, velo proprio del neo-entrato in favore di Sorrentino che subisce fallo da Arcolai. L'arbitro, in questo caso, non rileva gli estremi per il calcio di rigore. In chiusura di match arriva una buona collaborazione Forgione-Pezzotti sulla fascia che porta l'argentino al cross. In mezzo c'è Sorrentino che si gira, palla al piede, ma la conclusione è troppo debole. L'incontro si spegne con un 1-1 fondamentalmente giusto in una gara piatta e con poche emozioni. Per gioire, comunque, basta soltanto una vittoria con la Jesina.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: