Magi contro il suo passato: «A Gubbio anni belli, ma ora penso solo alla Samb»



Un po’ come quando da adulti si torna alle superiori, Magi si ritrova con lo stesso sentimento ad affrontare il Gubbio al Riviera delle Palme. Tra le colline umbre il tecnico si è tolto diverse soddisfazioni e i risultati ottenuti gli hanno aperto le porte di Bassano e Samb. Con i rossoblù rivieraschi, ad oggi, c’è una sola gioia cioè la vittoria contro l’Albinoleffe in mezzo ad un esonero e la nuova chiamata nel forcing finale. Poco per giudicare l’operato del tecnico pesarese che ammette di volersi togliere qualche soddisfazione a San Benedetto:


«Contro il Gubbio dobbiamo rimanere in partita il più possibile. Non possiamo permetterci cali di tensione e abbiamo voglia di chiudere l’ultima partita della stagione in casa facendo bottino pieno non cadendo vittime della frenesia. La curiosità più grande è nei confronti della Samb, sappiamo che loro hanno ottenuto buoni risultati ultimamente, ma vorrei rimanere concentrato sulle nostre esigenze. Abbiamo fatto un percorso importante e difficile in questa stagione. Domani abbiamo la possibilità di consolidare un altro risultato importante ma prima di pensare al dopo vittoria dobbiamo prima restare concentrati e pensare di ottenere tre punti. Ci saranno momenti di grande difficoltà perché nel corso dei novanta minuti capita di dover subire la superiorità dell’avversario. A Gubbio sono stati due anni importanti ma credo che a livello emotivo sia più assorbito dalla mia storia attuale qui alla Samb e non posso permettermi di non dare il massimo ai miei giocatori. La mia attenzione sarà rivolta solo ed esclusivamente a loro. Lavorare a San Benedetto è bello e molto stimolante, per chi ama fare questo mestiere è bello misurarsi con realtà anche così tosti. È importante non farsi travolgere dalle emozioni».

Condividi questo post: