Maceratese, ridotta la penalizzazione inflitta a novembre. Preoccupa la nuova fideiussione


È stato accolto il ricorso presentato dalla società del presidente Spalletta in merito alla penalizzazione subita nel 2016: restituito un punto. Incombe la scadenza per la presentazione della nuova fideiussione…

La società biancorossa può sommessamente gioire: la Corte Federale ha accolto il ricorso presentato in merito alla penalizzazione inflitta sul finire del mese di novembre ed inerente il ritardo nei pagamenti della scorsa stagione e l’iscrizione, sempre effettuata oltre la scadenza, al campionato attualmente in corso. La penalizzazione, da scontare in questa stagione, ha imposto la decurtazione di tre punti ma il ricorso presentato in merito alle inadempienze risalenti alla passata stagione ha permesso di recuperarn almeno uno. Nulla da fare in merito ai ritardi che riguardano l’attuale stagione visto che l’argomento non era tra i punti della discussione. La formazione allenata da Giunti si avvicina al Santarcangelo, quindi, ed attende di giocare il recupero contro il Modena, previsto per l’8 febbraio. Il presidente Spalletta, che ha rilevato la società da Maria Francesca Tardella, sta incontrando altre difficoltà e per questo aveva tentato la strada dell’allargamento della base societaria con il coinvolgimento di Marco Nacciarriti. L’ex membro del cda della vecchia dirigenza poteva coinvolgere diversi imprenditori locali riuscendo a spianare la strada al lavoro di Spalletta. Ad oggi, tuttavia, il presidente ha fatto mancare le certezze necessarie affinché ci fosse un nuovo ritorno di Nacciarriti, e con lui di Giulio Spadoni. L’ambiente biancorosso inizia ad essere in fermento visto che l’attuale dirigenza sembra non riuscire a sopperire alle difficoltà amministrative, prima su tutte la fideiussione di 350mila euro. Una nuova garanzia, infatti, si rende necessaria dopo il fallimento della Gable Insurance, società che aveva emesso le cedole all'inizio dell'attuale stagione. La scadenza ultima è prevista per il 31 gennaio.  

Commenti
Condividi questo post: